HILDUR GUÐNADÓTTIR – Chernobyl (Music From The Original Tv Series) (Deutsche Grammophon, 2019) È da poco arrivata la nomination per un Emmy Award per la colonna sonora della serie televisiva dedicata dal regista svedese Johan Renck al disastro nucleare di Chernobyl. A realizzarla, raccogliendo idealmente il testimone dello scomparso connazionale Jóhann Jóhannsson, è stata Hildur…

REPULSIVE WOMAN – Relief (Self Released, 2019) Una cittadina di poco più di centomila abitanti della Nuova Zelanda è diventata negli anni quasi una “denominazione d’origine” per la musica indipendente. Non è tuttavia solo la provenienza da Dunedin ad attrarre l’attenzione sul debutto sotto l’alias di Repulsive Woman di Millie Lovelock, già voce e chitarra…

JUNKBOY – Trains, Trees, Topophilia (Fretsore, 2019) Confermando la loro abitudine a seguire tempi produttivi dilatati, Mik e Rich Hanscomb tornano a manifestare la propria eclettica creatura Junkboy per la sesta volta in due decenni di attività e a cinque anni di distanza dal precedente “Sovereign Sky”. Come capita puntualmente per ogni loro disco, anche…

[streaming] Kele Goodwin – Handrail

“Handrail” is the first track available from “Moonbug”, available August 31st 2019 via Oscarson Records. Kele Goodwin has spent his life in three places: in Juneau, Alaska; on the Navajo Nation; and in the misty Pacific Northwest. He makes music that sings from bone marrow, from a life and landscape alternately charted and lost, crushed…

[video of the week] Sungaze – This River

Track taken from “Light in All of It”, out via Whited Sepulchre Records. Sungaze is a Cincinnati-based three-piece band whose deeply studied and emotionally resonant sound floats between the effervescent sheen of early 90’s Shoegaze and the hypnotic, sunbaked drone of modern psych. Sungaze formed after guitarist Ian Hilvert’s metal band dissolved. While initially started…

CROSS RECORD – Cross Record (Ba Da Bing!, 2019)* Estremamente interessante e per certi versi sorprendente è il percorso che ha condotto Emily Cross dall’introspettiva dimensione “da cameretta” al suo terzo album sotto l’alias Cross Record, attraverso la condivisione del precedente “Wabi-Sabi” (2017) e il progetto Loma, che la vede accanto a Jonathan Meiburg degli…

WIL BOLTON – Surface Reflections (Sound In Silence, 2019) Pochi musicisti impegnati in campo ambient-drone possiedono profili espressivi nettamente riconoscibili come Wil Bolton: il compassato calore delle sue timbriche chitarristiche e il dosaggio sognante degli effetti che le amplificano rappresentano quasi una “firma” apposta dall’artista inglese su una varietà di lavori solisti e collaborativi. Ciò…

PAUL SAUNDERSON – Passage (1631 Recordings, 2019) In un mondo di compositori neoclassici impegnati a ricercare equilibri minimali, Paul Saunderson può considerarsi un’eccezione, determinata anche dal suo nutritissimo curriculum nel campo della musica per film e documentari. Pur senza rigettare la solitaria essenzialità armonica del pianoforte, in “Passage” l’eclettico musicista inglese propende tuttavia soprattutto per…

HALFTRIBE – Backwater Revisited (Dronarivm, 2019) È nuovamente l’estate – questa volta anche come periodo di pubblicazione – a fare da sfondo alle creazioni sonore di Ryan Bisset che, a poco più di un anno distanza dalle calorose risonanze chitarristiche di “For The Summer, Or Forever”, dispensa tredici nuovi bozzetti di vaporosa malinconia ambientale. In…

[streaming] Poor You – I Lost My Friend

“I Lost My Friend” is the “b-side” of the new digital name-your-price single by Poor You. Poor You is a Toronto-based trio, made by Chris Borges, Julia Noel, and Fraser McLean. They operate in a hazy, narcotic space perched somewhere between Galaxie 500 and Acetone, dreamy and bittersweet, regretful but with a ray of hope…

THE SLOW SUMMITS – Languid Belles E.P. (Self Released, 2019) In un mondo musicale sempre più affollato, nel quale sembra che per distinguersi sia indispensabile raccontare storie di mirabolante originalità, finisce per apparire straordinario predicare l’assoluta normalità della propria estrazione e della propria proposta musicale. È così che si presentano infatti i quattro ragazzi svedesi…