EFTERKLANG Windflowers (City Slang, 2021) La ricerca di un approccio creativo intimo e minimale che già caratterizzava il precedente “Altid Sammen” (2019) è stata – questa volta necessariamente – applicata anche al sesto disco dei danesi Efterklang. Registrato nel loro studio sull’isola baltica di Møn, il lavoro vede il terzetto di Mads Brauer, Rasmus Stolberg…

THEODORE WILD RIDE Theodore Wild Ride (Icarus, 2021)* Theodore Wild Ride è un progetto animato dal desiderio di gettare ponti tra sensibilità artistiche e culture musicali: ne sono protagonisti Christine Ott (Yann Tiersen, Tindersticks), Mathieu Gabry (Snowdrops) e il suonatore di oud Ophir Levy. I sei brani frutto della loro collaborazione miscelano senza sosta linguaggi…

ELUVIUM Virga II (Temporary Residence, 2021) Quella che, per Matthew Robert Cooper, si era originata quale divagazione estemporanea tra i suoi album veri e propri si sta già trasformando in una serie di uscite che uniscono transizione e permanenza. La transizione è insista nella stessa natura interstiziale delle sue opere intitolate “Virga”, mentre la permanenza…

MATT EMERY Spotlight Series: Cello (Injazero, 2021) Il compositore inglese Matt Emery inaugura con il violoncello una nuova serie di “monografie sonore” dedicate ciascuna a un solo strumento. I sei studi raccolti nel mini album ad esso dedicato, eseguiti dall’amico e collaboratore abituale Fraser Bowles, mettono ciascuno in evidenza diversi profili timbrici dello strumento, secondo…

CALEB R.K. WILLIAMS Savage / Frost (The Eagle Stone Collective, 2021) Da qualche anno, intorno all’etichetta francese The Eagle Stone Collective si è coagulato un piccolo ma coeso cenacolo artistico, che opera negli spazi indefiniti (e desertici) tra americana atmosferica, sperimentazione dronica e composizione contemporanea. Suo ideale fulcro sono i copiosi lavori dell’enigmatico e barbuto…

FRANCESCA GUCCIONE Muqataea (Whales, 2021) C’è un immediato riferimento alla propria terra e alle sue contaminazioni tra popoli e culture fin dal titolo del lavoro della compositrice e violinista modicana Francesca Guccione. “Muqataea” richiama infatti il termine arabo che indica la contea, poiché proprio un personale viaggio alla riscoperta della sua città natale è condensato…

FRÉDÉRIC D. OBERLAND Même Soleil (IIKKI, 2021) Un itinerario attraverso luoghi abbandonati, guidato dalla sinestesia tra suoni e immagini: “Même Soleil” combina le fotografie di Gaël Bonnefon e le ardite divagazioni musicali di Frédéric D. Oberland (Oiseaux-Tempête, FOUDRE!, et al.). Abituato a spaziare tra densità rumorosa e ritualismo etnico, il poliedrico artista francese traccia un…

ANDREW WASYLYK Balgay Hill: Morning In Magnolia (Clay Pipe Music, 2021) Dalla contemplazione di un presente sospeso a un viaggio immaginifico nello spazio e nel tempo: il nuovo lavoro di Andrew Wasylyk ha tratto spunto da un antico parco di Dundee dove il musicista scozzese ha trascorso le solitarie mattine primaverili dello scorso anno. Da…

DUSTIN O’HALLORAN Silfur (Deutsche Grammophon, 2021) Un altro “compositore moderno” sbarca su Deutsche Grammophon, sempre più sensibile ad accogliere proposte al di fuori dei classici circuiti accademici. A margine dei suoi prevalenti impegni nelle colonne sonore e in A Winged Victory For The Sullen (con Adam Wiltzie degli Stars Of The Lid), Dustin O’Halloran lo…

YUMBO 間違いの実 / The Fruit Of Errata (Morr Music, 2021) Un filo sempre più stretto lega ormai Morr Music alla musica e alla cultura giapponese. Sulla scia dei Tenniscoats e della compilation “Minna Miteru” dello scorso anno, l’etichetta berlinese pubblica un’ampia rassegna della ventennale esperienza di yumbo, collettivo formatosi intorno alla songwriter e compositrice Koji…

SIMON LEOZA Albatross (Rosemarie, 2021) Reduce da tre EP pubblicati tra il 2015 e il 2019 sotto l’alias Tambour, Simon Leoza sigla con il proprio nome il suo primo lavoro sulla lunga distanza. Inizialmente concepito in Islanda insieme a Snorri Hallgrímsson e co-prodotto con Blaise Borboën-Léonard dopo il suo ritorno a Montreal, “Albatross” è un…

LEON DEN ENGELSEN Growth (Piano And Coffee, 2021) La formazione musicale di Leon den Engelsen racconta già molto del suo profilo espressivo: iniziato al pianoforte fin da bambino, l’artista olandese ha studiato per sei anni jazz a New Orleans, prima di completare il conservatorio in patria, dopo di che si è trasferito in Svezia dove…

EYDÍS EVENSEN Bylur (XXIM Records/Sony, 2021) Un nuovo nome si aggiunge alla nutrita schiera di musicisti islandesi dediti alla composizione contemporanea: è quello della ventisettenne pianista Eydís Evensen, che ha registrato il proprio album di debutto negli studi di Valgeir Sigurðsson. I tredici brani di “Bylur” ripercorrono idealmente la vita e la formazione della giovane…

KATRINE GRARUP ELBO Fold Unfold (Sonic Pieces, 2021) Componente del quartetto We Like We (archi, percussioni e voce), nel suo primo album solista Katrine Grarup Elbo esplora le potenzialità meno convenzionali del violino. Le nove pièce di “Fold Unfold” offrono un intrigante spaccato nel quale la scarna essenza delle prolungate vibrazioni dell’archetto convive con increspature…

GODSPEED YOU! BLACK EMPEROR G_d’s Pee AT STATE’S END! (Constellation, 2021) In ormai un quarto di secolo di attività, tanto febbrile quanto intermittente, il collettivo dei Godspeed You! Black Emperor ha sempre cercato di veicolare attraverso il suono messaggi così forti da poter prescindere dalle parole. Quei messaggi, cristallizzati in samples o effigiati negli incredibili…

JOHANNA SAMUELS Excelsior! (Mama Bird / Basin Rock, 2021)* Tra le inevitabili radici folk e l’attuale nouvelle vague delle ragazze con la chitarra elettrica, Johanna Samuels sceglie una terza via, fatta di una discreta varietà di soluzioni sonore a incorniciare canzoni dai pronunciati contenuti personali. Il tema dei rapporti umani domina le canzoni raccolte in…

SIMON MCCORRY And Where Are You Really From? (Polar Seas, 2021) È un periodo di fervida creatività per Simon McCorry, che subito dopo l’Ep “Nature In Nature” dà alle stampe un lavoro di quaranta minuti, ripartito in cinque dense tracce. Messe da parte le divagazioni ambientali, il violoncello processato dell’artista inglese torna a dominare, solitario,…

VALGEIR SIGURÐSSON Kvika (Bedroom Community, 2021) In islandese, il termine “Kvika” indica il magma, elemento quanto mai ricorrente e tangibile nell’ecosistema locale. Non sembra casuale la scelta di tale termine per designare le nuove composizioni di Valgeir Sigurðsson, già impiegate come colonna sonora del film di guerra “Malá Ríša” e adesso presentate nell’esecuzione dell’orchestra filarmonica…

AKIRA KOSEMURA 88 Keys (Schole/1631 Recordings, 2021) Ormai da qualche anno il 29 marzo, ottantottesimo giorno in calendario, coincide con il Piano Day, consacrato appunto agli ottantotto tasti del pianoforte. Non poteva essere più lampante, fin dal titolo, il contenuto del nuovo lavoro licenziato per l’occasione dal compositore giapponese, formato da quattordici brevi pièce che…