‘T GERUIS Bain D’Étoiles (Laaps, 2022) Assurto soltanto lo scorso anno alla dimensione delle pubblicazioni ufficiali, fuori dal cono d’ombra che ne avvolge la riservatezza creativa, ‘T Geruis presenta il suo terzo lavoro, ancorché derivante dalle sue prime registrazioni tra fine 2020 e inizio 2021. “Bain D’Étoiles” non smentisce l’accuratezza del tocco compositivo dell’artista belga,…

RUBIN HENKEL Restless (7K!, 2022) Al pari del debutto “Ruhe” (2018), anche il secondo album di Rubin Henkel volge lo sguardo al passato per ricombinare elementi classici, restituendone una declinazione al tempo presente. Mentre allora erano gli stessi suoni a trarre le mosse da composizioni giovanili del musicista tedesco, “Restless” si configura piuttosto come una…

ADRIAN COPELAND If This Were My Body (Lost Tribe Sound, 2022) “E se la mia musica fosse incarnata dal mio corpo, come lo userei per raccontare storie?”. Questa la semplice ma visionaria traccia concettuale sviluppata da Adrian Copeland, che abitualmente incide sotto l’alias Alder & Ash, nel primo lavoro a suo nome. Le otto dense…

NUNU Things I Wasn’t Able To Tell You (Schole, 2022) In controtendenza rispetto alla frequenza con la quale vengono messe in circolazione innumerevoli proposte di minimalismo neoclassico basato sul pianoforte, Nunu Kiefer ha impiegato oltre dieci anni per dare seguito all’omonimo mini album pubblicato nel 2011. Ben distante dal manierismo commerciale, la musicista tedesca ha…

TOM ROGERSON Retreat To Bliss (Western Vinyl, 2022) La partecipazione di Brian Eno al suo “Finding Shore” (2017), ha richiamato inevitabile attenzione sull’attività di pianista e compositore del poliedrico musicista inglese Tom Rogerson. I suoi articolati trascorsi artistici, anche quale fondatore della band Three Trapped Tigers, riaffiorano in parte nel nuovo “Retreat To Bliss”, dominato…

ARMBRUSTER Masses (Dear Life, 2022) Le radici nel folk irlandese, la passione per l’avanguardia e le diverse esperienze come musicista e insegnante hanno plasmato la personalità artistica di Conor Armbruster in maniera non convenzionale. Lo dimostra con limpidezza il suo secondo album, interamente innestato su ambivalenze: quelle tra improvvisazione e composizione, tra violino elettrico e…

RUNAR BLESVIK Restore (Fluttery, 2022) L’approccio descrittivo mutuato dalla sua duratura esperienza di compositore di musica per cortometraggi e documentari si riscontra evidente nel terzo album di Runar Blesvik. Come nei due predecessori, il pianoforte resta al centro della tavolozza dell’artista norvegese, nell’occasione tuttavia affiancato da un piccolo ensemble di musicisti provenienti da varie parti…

BLESSED ARE THE HEARTS THAT BEND Sadness Be Damned (Spectral Industries, 2022) Mai come nel caso di Luke Seomore l’aggettivo “cinematico” è adeguato a descrivere la sua musica. La sua attività di compositore è infatti parallela a quella di regista cinematografico e televisivo. Quelle da lui realizzate sotto la denominazione Blessed Are The Hearts That…

DAIGO HANADA Satori (Moderna, 2022) Del secondo album di Daigo Hanada, ovvero di come la semplicità possa diventare complessa. “Satori” giunge infatti a ben cinque anni di distanza dal debutto “Ichiru” (intervallati dal solo EP “Ouka”, 2019) anche a causa di seri problemi di salute del musicista giapponese, che ne hanno influenzato il modo di…

ROBERT HAIGH Human Remains (Unseen Worlds, 2022) Prima ancora di leggere le note di copertina, un senso di latente finitezza aleggia sui tredici brani di “Human Remains”, lavoro che non solo completa la trilogia pianistica di Robert Haigh (dopo “Creatures Of The Deep”, 2017, e “Black Sarabande”, 2020), ma nelle intenzioni del suo autore è…

TAPANI RINNE & JUHA MÄKI-PATOLA Open (Hush Hush, 2022) L’apertura alla quale si riferisce il titolo del lavoro simboleggia chiaramente lo spirito dell’inedita collaborazione tra Tapani Rinne e Juha Mäki-Patola, improntata appunto a una libertà espressiva dagli orizzonti sconfinati. Il primo è un veterano della scena sperimentale e jazz finlandese, il secondo un più giovane…

JULIA GJERTSEN Formations (Moderna, 2022) Fresca reduce dal secondo capitolo della collaborazione transoceanica con Nico Rosenberg (“Paisajes Imaginarios“, 2022), Julia Gjertsen dà alle stampe il proprio secondo album solista. I dieci brani di “Formations” risentono in buona misura delle esplorazioni da parte della compositrice e pianista norvegese di intersezioni tra note pianistiche e sinuose scie…

SWOOP AND CROSS Les Fauves (Piano And Coffee, 2022) I quattordici minuti di “The Hand”, brano d’apertura del secondo lavoro di Ruben Vale sotto l’alias Swoop And Cross rappresentano un autentico manifesto della transizione intercorsa per l’artista portoghese dal suo debutto “Stories Of Disintegration” (2018). Laddove quel disco si atteggiava a sinfonia di romanticismo in…

SEAMUS O’MUINEACHAIN Different Time Zones (Ghost Home Recordings, 2022) Nonostante sia estremamente legato alla sua Irlanda, Seamus O’Muineachain ha trovato nel viaggio l’elemento ispiratore dei suoi due ultimi lavori. Mentre il precedente “Blue Moon Set” (2020) era stato composto al ritorno da un lungo soggiorno nel sud-est asiatico, “Different Time Zones” è stato appunto scritto…

JULIA GJERTSEN & NICO ROSENBERG Paisajes Imaginarios (Constellation Tatsu, 2022) Non sempre l’interazione tra pianoforte ed elettronica è sinonimo di accessibilità e romanticismo; non lo è senz’altro nel secondo capitolo della collaborazione tra la pianista norvegese Julia Gjertsen e l’artista multimediale cileno Nico Rosenberg. A poco più di un anno da “Distant Fields” (2020), i…

KEELEY FORSYTH Limbs (Leaf, 2022)* La tormentata, graffiante bellezza del debutto “Debris” (2020) aveva rivelato la straordinaria espressività di Keeley Forsyth in veste di cantante, oltre che in quelli di attrice di film di successo e serie televisive della sua precedente esperienza artistica. Le componenti teatrali e drammatiche dei suoi registri sono ancora più evidenti…

SVARTE GREINER Devolving Trust (Miasmah, 2022) Quella di Erik K Skodvin, in particolare sotto le spoglie del suo tenebroso alter-ego Svarte Greiner, non è musica che abitualmente si presti all’esecuzione dal vivo. Eppure, i due lunghi brani che formano “Devolving Trust” hanno tratto le mosse proprio da registrazioni in presa diretta, catturate in sotterranei berlinesi…

ASPIDISTRAFLY Altar Of Dreams (Kitchen, 2022)* Un decennio esatto è trascorso, affinché il duo singaporiano di April Lee e Ricks Ang desse seguito con il proprio terzo album ad “A Little Fable” (2011). Sul dream-pop acustico dell’ormai remoto predecessore, “Altar Of Dreams” innesta una tavolozza sonora ed espressiva decisamente più variegata, senza con ciò abdicare…

PAN•AMERICAN The Patience Fader (Kranky, 2022)* Il trascorrere del tempo, per Mark Nelson, coincide sempre più con il ripiegamento su una dimensione creativa intima e personale. Sulla scia del precedente “A Son” (2019), anche i dodici brani di “The Patience Fader” sono ampiamente incentrati sul placido stillare di note dalle corde pizzicate della sua chitarra,…