music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

LUIS BERRA – On Silence Act I & II (1631 Recordings, 2020) La “terza via” tra minimalismo e “continuous piano music” trova nel nuovo lavoro di Luis Berra una declinazione … Continua a leggere

24 settembre 2020 · Lascia un commento

EUROPEAN SUN – European Sun (Where It’s At Is Where You Are, 2020) Le infinite strade del pop d’autore inglese conoscono incroci a volte sorprendenti, tanto che non è semplice … Continua a leggere

23 settembre 2020 · Lascia un commento

SILENT VIGILS – Wake (Home Normal, 2020) Al terzo capitolo in tre anni esatti, il dialogo tra Stijn Hüwels e James Murray trova un coronamento fortemente elegiaco nei quattro movimenti … Continua a leggere

22 settembre 2020 · Lascia un commento

DAO STROM – Traveler’s Ode (Antiquated Future, 2020)* Per Dao Strom, la musica rappresenta soltanto una parte di un’espressione artistica che viene da lontano e che da una quindicina d’anni … Continua a leggere

21 settembre 2020 · Lascia un commento

JOSHUA VAN TASSEL – Dance Music Volume II: More Songs For Slow Motion (Backward Music, 2020) A sei anni dal primo volume, Joshua Van Tassel torna a comporre musica dedicata … Continua a leggere

20 settembre 2020 · Lascia un commento

FENNE LILY – BREACH (Dead Oceans, 2020) Dapprima segnalatasi all’attenzione dei cultori dello scarno intimismo casalingo, nel volgere dei due anni trascorsi dal suo promettente debutto “On Hold” ha decisamente … Continua a leggere

18 settembre 2020 · Lascia un commento

PAWEL PRUSKI – Between (KrysaliSound, 2020) Tra i protagonisti della serie di trenta uscite di isolazionismo casalingo di Whitelabrecs, Pawel Pruski ha dapprima pubblicato per la stessa etichetta inglese un … Continua a leggere

17 settembre 2020 · Lascia un commento

GIA MARGARET – Mia Gargaret (Orindal, 2020) Già nel debutto “There’s Always Glimmer” (2018), Gia Margaret aveva dimostrato di non essere una classica cantautrice appena uscita dalla dimensione produttiva della … Continua a leggere

16 settembre 2020 · Lascia un commento

THE GREEN KINGDOM – Springhill (Hidden Vibes, 2020) Che siano gli orizzonti planetari del recente “Residence On Earth” o quelli, ben più circoscritti, del suo quotidiano, Michael Cottone continua ad … Continua a leggere

15 settembre 2020 · Lascia un commento

IAN WAYNE – Risking Illness (Whatever’s Clever, 2020)* Come spesso avviene per le manifestazioni artistiche più immediate e sentite, le esperienze personali di un musicista incidono in maniera significativa su … Continua a leggere

14 settembre 2020 · Lascia un commento

DAN MICHAELSON – Colourfield (Village Green, 2020) In particolare nei suoi lavori più recenti, Dan Michaelson ha messo in mostra una ricercata sensibilità per l’accostamento di arrangiamenti orchestrali al suo … Continua a leggere

13 settembre 2020 · Lascia un commento

LOGAN FARMER – Still No Mother (Western Vinyl, 2020) Arrivederci Monarch Mtn, ben (ri)trovato Logan Farmer; dopo sei album sostanzialmente autoprodotti e pubblicati sotto l’alias, il cantautore del Colorado si … Continua a leggere

9 settembre 2020 · Lascia un commento

HELENA MASSEY – Brothers Puffins & Half Skulls (Home Alone Music, 2020)* Continua a offrire proposte dai caratteri marcati e tutti propri il folk al femminile proveniente dal continente australe. … Continua a leggere

7 settembre 2020 · Lascia un commento

PIE ARE SQUARED – Con calma (Whitelabrecs, 2020) Tra i trenta protagonisti della serie digitale “Home Diaries”, dispensata nel volgere delle settimane di forzata reclusione casalinga, Mohammed Ashraf inaugura il … Continua a leggere

6 settembre 2020 · Lascia un commento

BILL CALLAHAN – Gold Record (Drag City, 2020) “Gold Record” è il nuovo disco di… Johnny Cash! No, ovviamente non è così, eppure è proprio indossando i panni del cantautore … Continua a leggere

4 settembre 2020 · Lascia un commento

LESS BELLS – Mourning Jewelry (Kranky, 2020) L’ambiziosa intersezione tra elementi acustici e sintetici che ne aveva segnalato il debutto “Solifuge” (2018), torna a caratterizzare anche il secondo lavoro di … Continua a leggere

2 settembre 2020 · Lascia un commento

DAVID CORDERO – Honne (本 音) (Dronarivm, 2020)* È un legame davvero naturale quello che connette l’elettro-acustica ambientale più delicata ed emozionale con le arti, la cultura e lo stesso … Continua a leggere

31 agosto 2020 · Lascia un commento

CHRONOVALVE – Light (Home Normal, 2020) Mentre la maggior parte dei lavori in campo ambient-drone segue ormai linee concettuali non sempre facilmente riscontrabili dal loro contenuto, il secondo lavoro di … Continua a leggere

30 agosto 2020 · Lascia un commento

DAVID IAN ROBERTS – From The Harbour (Cambrian, 2020) Non sono più quelli bucolici del precedente “Travelling Bright” (2019) gli orizzonti che caratterizzano il nuovo lavoro di David Ian Roberts, … Continua a leggere

28 agosto 2020 · Lascia un commento