music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

Humbling Tides

STRANDED HORSE – Humbling Tides
(Talitres, 2011)

Il francese Yann Tambour non è uno di quei reclusivi cultori di linguaggi arcani, né uno dei tanti artisti “occidentali” folgorati da quelle tradizioni di altri mondi che ultimamente riscuotono discreto successo in ambiti musicali indipendenti. E, ovviamente, non ha nemmeno origini o ascendenze che giustifichino un interesse etnografico per i suoni e la cultura africana.
Anzi, il suo peculiare percorso artistico dà conto di un’attività cominciata alle prese con un’elettronica romantica e pulsante sotto l’alias Encre (un paio di album nei primi anni del Duemila, tra i quali merita di essere segnalato in particolare l’ottimo “Flux”, del 2004), che trova il suo primo punto di svolta nel 2006, con l’Ep “Encre A Kora”, nel quale scopre per la prima volta la kora, la tradizionale arpa-liuto suonata dalla popolazione di etnia mandinka dell’Africa occidentale.
L’anno seguente Tambour assume la denominazione di Thee, Stranded Horse, pubblicando “Churning Strides”, album a base di chitarra, kora e accenni di canzoni, opera di indubbio fascino ma fin troppo uniforme a causa di un amalgama strumentale non del tutto compiuto e di una scrittura ancora abbastanza acerba.

E così, dopo varie esperienze che comprendono l’incontro con Ballaké Sissoko, si arriva al tempo presente, all’elisione del “Thee” e dunque a quello che a tutti gli effetti si può considerare il secondo capitolo della seconda vita artistica di Yann Tambour. Scritto per la maggior parte nel 2008, durante un periodo di soggiorno a Bristol, e oggetto di una lunga e meticolosa rifinitura nella sua Normandia, “Humbling Tides” trae le mosse dai medesimi presupposti del suo predecessore, sviluppandoli tuttavia nella duplice direzione di una maggiore definizione compositiva e di una più compiuta integrazione di sonorità speziate con retaggi di tradizioni europee più o meno risalenti.
Negli otto brani di “Humbling Tides” non vi è infatti semplicemente un ponte gettato attraverso il Mediterraneo da un’artista di moderna sensibilità europea, ma anche e soprattutto la ricerca di un sincretismo espressivo che trascende quella, più superficiale e scontata, di un ipotetico tratto comune tra enigmatico misticismo africano ed espressioni arcaiche della musica europea, quali quella dei cantori e dei bardi rinascimentali.

Ne risulta un disco essenzialmente incentrato sul picking chitarristico e sulla danza delle dita di Tambour tra le ventuno corde della kora, che a sua volta dà luogo a un andamento altrettanto vivace di note che rifulgono serafiche al pari della sua voce morbida, assumendo ora le tonalità cristalline di un solitario canto alla luna, ora accenti ritualistici più tipicamente ancestrali. Ma v’è di più, poiché, ben lungi da un interesse di tipo “turistico”, l’artista francese riesce a fare proprie le sonorità dell’Africa più profonda, rielaborando alla loro luce madrigali e cantiche medievali, spunti di raffinato lirismo e persino un’ardita cover degli Smiths (“What Difference Does It Make”, che bissa, con esito decisamente migliore, l’esperimento condotto nel disco precedente con la “Misty Mist” di Marc Bolan).
Se infatti le calde sfumature e le iterazioni melodiche di “And The Shoreline It Withdrew In Anger” e “Shields” possono far balenare collegamenti con la purezza acustica di un Mark Kozelek o di uno José González, la continua alternanza di intonazioni e l’inarcarsi impetuoso della parte centrale di “Halos” (undici minuti) e della danza propiziatoria del finale di “They’ve Unleashed The Hounds For The Wedding” evocano un ascetismo misterioso, la densità del cui corpo sonoro si mantiene a debita distanza da eccessi virtuosistici.

Non mancano nemmeno disorientanti traslazioni sotto un cielo africano di un grigio inverno parigino, riuscite con rara compiutezza nei sussurri della prima parte di “They’ve Unleashed The Hounds For The Wedding” e negli unici due brani cantati in francese, “Les Axes Déréglés” e “Le Bleu Et L’Éther”, opportunamente arricchiti dal violino di Carla Pallone (Mansfield.TYA) e dal violoncello di Joseph Roumier, che conferiscono un alone romantico a chanson che, in particolare nel secondo caso, non disdegnano di sfociare in dialoghi post-cameristici tra armonizzazioni e sibili sinistri. Ma, oltre alla coesione conseguita tra gli eterogenei elementi costitutivi del lavoro, il dato che più colpisce rispetto al retroterra artistico di Tambour è la sostanziale analogia di alcune cadenze e strutture armoniche (soprattutto in “They’ve Unleashed The Hounds For The Wedding” e “Jolting Moon”) con quelle delle composizioni elettroniche firmate Encre; completamente diversi gli strumenti, comune la “firma” di sequenze di note rilucenti, che alternano inerzie incantate a movenze oblique, ora rallentate ora giustapposte in frequenze incrementali.

E anche per questo “Humbling Tides” risulta in definitiva un convincente tentativo di stabilire un contatto tra una post-modernità scevra da operazioni ricognitive formali e tradizioni musicali primigenie abitualmente trascurate dai recuperi del passato, pur così frequenti nell’attuale costellazione indipendente.

(pubblicato su ondarock.it)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 1 gennaio 2011 da in recensioni 2011.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: