music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

My Piano Is Broken

ANNA ROSE CARTER & PLEQ – My Piano Is Broken
(Rural Colours, 2011)

Lei è una pianista gallese poco più che ventenne, lui un manipolatore ambient-drone polacco. Lei si è segnalata con due Ep come una delle più talentuose interpreti del piano solo, lui ha messo insieme nel giro di pochi anni una corposa discografia su importanti etichette elettroniche e sperimentali, spaziando dal glitch e dall’idm a foschi paesaggi dronici.

Anna Rose Carter e Bartosz Dziadosz, aka Pleq, si incontrano adesso in un conciso Ep di soli diciassette minuti di durata.

Considerati i retroterra dei due artisti, “My Piano Is Broken” non poteva che essere un saggio del tentativo di coniugare il pianoforte austero e minimale della Carter con l’universo di crepitii, field recordings e screziature elettroniche assortite di Pleq. L’idea non è certamente nuova (difficile non pensare a Library Tapes durante l’ascolto dell’Ep), ma i cinque brevi brani che la mettono in pratica conseguono un equilibrio pressoché perfetto tra i loro elementi, offrendo scorci di intensa emozione (su tutti quello di “A Mirror Sitting”) e paesaggi sonori di obliquo incanto.

(pubblicato su ondarock.it)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 13 agosto 2011 da in recensioni 2011.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: