music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

We Don’t Look Back For Very Long

ANTONYMES MEETS SLOW DANCING SOCIETY – We Don’t Look Back For Very Long
(Hidden Shoal, 2011)

Non poteva che essere la “casa madre” Hidden Shoal a battezzare la collaborazione tra Ian M. Hazeldine (Antonymes) e Drew Sullivan (Slow Dancing Society).

I percorsi di entrambi hanno seguito storie diverse, trovando come comune denominatore l’etichetta australiana e le rispettive interpretazioni di un’ambient music obliqua e inframezzata di partiture pianistiche, minuti detriti sonori e pronunciati sviluppi emozionali.

Tutti elementi che ricorrono nella mezz’ora scarsa di “We Don’t Look Back For Very Long”, ripartita in quattro brani che coniugano rade cadenze pianistiche e soffi sintetici, secondo un registro austero e ipnotico, ma anche profondamente evocativo. Non mancano più classici passaggi riflessivi (“That Moment”) e field recordings crepitanti (“As If Viewed From A Distance”), prima dei nove minuti della notturna elegia finale (“A Feeling Of Being Closer”), che corona un incontro foriero di nuovi viaggi sonori intraoculari.

(pubblicato su ondarock.it)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 18 novembre 2011 da in recensioni 2011.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: