music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

Scars Of The Midwest

BLUENECK – Scars Of The Midwest
(Don’t Touch, 2006)

Quintetto formato agli inizi degli anni Duemila, i Blueneck rappresentano la via inglese al post-rock imperante in quel periodo. Inevitabilmente collocati tra Godspeed You! Black Emperor, Mogwai e Sigur Rós, nell’esordio “Scars Of The Midwest” si sono svincolati da pedisseque emulazioni per ricercare una propria dimensione artistica, fatta sì di romantiche texture pianistiche e impennate elettriche, ma anche caratterizzata da una sostanziale presenza delle tastiere, nonché da spiccate rarefazioni ambientali e in alcuni casi dall’elemento vocale.

Il risultato è la vaporosa colonna sonora di un paesaggio misterioso, che tanto nei brani cantati quanto in quelli strumentali delinea un’epica umbratile, aliena dalla pomposa retorica dei soli crescendo.

Pubblicato nel 2006, questo prezioso affresco (post-)post-rock è stato diffuso su vinile da Denovali nel 2008.

(pubblicato su Rockerilla n. 379, marzo 2012)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 29 dicembre 2006 da in recensioni 2006.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: