memories: FOR CARNATION

THE FOR CARNATION – The For Carnation (Touch & Go, 2000) Parabola breve ma estremamente densa di significati, quella dei For Carnation, progetto sorto a metà degli anni 90 per iniziativa dell’ex-Squirrel Bait Brian McMahan: due album e un Ep realizzati nell’arco di un quinquennio, inframezzati da un profondo cambiamento di formazione, intercorso proprio nei…

EPIC45 – In All The Empty Houses (Make Mine Music, 2009) Periodo di fervente attività in casa Make Mine Music e di significativi cambiamenti per una delle band più importanti del suo roster in continua ascesa, ovvero gli Epic45 di Rob Glover e Ben Holton, che a due anni di distanza dal loro ottimo “May…

BALMORHEA – All Is Wild, All Is Silent Remixes (Western Vinyl, 2009) Si direbbe che in certi ambiti musicali l’operazione stia entrando decisamente in voga, visto che si tratta del secondo caso in pochi mesi di album che, a breve distanza dalla loro uscita, vengono sottoposti a operazioni di rimaneggiamento integrale. Dapprima era stato Chris…

MÚM – Sing Along To Songs You Don’t Know (Morr, 2009) Si sa quanto difficile possa essere per una band trasformarsi in maniera significativa senza staccarsi di dosso le etichette in precedenza attribuitele e senza dover vedere paragonata ogni nuova opera a un passato ormai superato da situazioni contingenti e scelte consapevoli. I Múm rappresentano…

NK – NINO LO BUE – Sleep Spindles (51beats, 2009) Fortunatamente non è più così raro rinvenire in Italia opere che, pur nella generale indifferenza persino dei circuiti “alternativi”, sono intese all’elaborazione di sonorità elettro-acustiche e ambientali, principalmente incentrate su chitarra e filtraggi elettronici. È da ultimo il caso del ventottenne palermitano Nino Lo Bue,…

LEE MEMORIAL – The Lives Of Lee Memorial (Dot Dash, 2009) Qualcuno potrebbe avere un colpo al cuore nel riascoltare la voce di Karl Smith dopo che, poco più di due anni fa, decise di comune accordo con Pete Cohen di porre termine all’esperienza unica dei Sodastream, per non altro motivo che la difficoltà di…

THE DECLINING WINTER – Haunt The Upper Hallways (Home Assembly, 2009) Fedele al basso profilo che ha caratterizzato tutta la sua lunga attività artistica e all’impostazione do-it-yourself di questo suo nuovo progetto, l’ex-Hood Richard Adams dà immediatamente seguito al debutto “Goodbye Minnesota”, con una nuova uscita in sordina e del tutto peculiare quanto a formato…

DANNY NORBURY – Light In August (Lacies, 2009) Già collaboratore di artisti dalle collocazioni eterogenee quali Nancy Elizabeth, The Boats e Library Tapes, il violoncellista di Manchester Danny Norbury si era altresì segnalato per un breve ma intenso mini 3’’, “Dusk”, pubblicato nel 2007 da quella autentica fucina di nuovi talenti che è la piccola…

dal vivo: MOGWAI

Roma, Cavea dell’Auditorium, 18 luglio 2009 Se i luoghi di svolgimento dei live possono risultare simbolici per stabilire il riconoscimento di una band, allora è di tutta evidenza come il contesto dell’Auditorium di Roma possa risultare quale consacrazione “istituzionale” per i Mogwai, tornati in Italia a pochi mesi di distanza dalla loro ultima esibizione bolognese….

JOKER’S DAUGHTER – The Last Laugh (Team Love, 2009) Frutto di una imprevedibile commistione di stili ed esperienze, il progetto Joker’s Daughter nasce da un’idea sviluppata attraverso l’Atlantico ormai da qualche anno, ovvero da quando l’artista inglese di origine greca Helena Costas è entrata in contatto con un produttore molto in vista quale Brian “Danger…

BUTCHER BOY – React Or Die (How Does It Feel To Be Loved?, 2009) Ancora Glasgow, ancora indie-pop di straordinaria qualità. La piovosa e inospitale città industriale, oltre alla birra e alle stracittadine calcistico-religiose, nel corso del tempo ha regalato agli amanti del pop più cristallino band quali i Pastels, i Teenage Fanclub, i Primal…

THE WOODEN BIRDS – Magnolia (Barsuk/Morr, 2009) Per oltre un decennio, Andrew Kenny ha guidato i texani American Analog Set attraverso un percorso che ha spaziato ampiamente dalla psichedelia analogica degli esordi al minimalismo pop-acustico degli ultimi lavori, grazie ai quali si è aperto nuovi orizzonti musicali sia in termini di collaborazioni esterne (ad esempio…