STÉPHANE MARIN – Matins d’Ariège (Galaverna, 2015) Il soundscaping non è semplice descrizione superficiale dei luoghi, né descrizione di immagini statiche: è invece una fotografia in movimento, derivante da prolungata esposizione, che reca in sé non soltanto componenti “événementiel” bensì tracce della storia naturale e umana del luogo che intende rappresentare. Da questo approccio ha…

@C – Re: Barsento (Galaverna, 2014) Per Pedro Tudela e Miguel Carvalhais, ogni viaggio e ogni esperienza di residenza artistica costituisce spunto per applicare ai luoghi visitati la loro sensibilità di soundscaper in grado di catturare attraverso il suono lo spirito dei luoghi visitati. È un’opera di paziente compenetrazione tra paesaggio e rappresentazione quella condotta…

ALESSIO BALLERINI – La radio a pedali (Galaverna, 2013) Una passeggiata in bicicletta per le vie del centro di Firenze, al suono in bassa fedeltà di radio a transistor che emettono le note di Beethoven e Liszt, interpretate da Daniel Barenboim e dall’Orchestra del Maggio Fiorentino, diretta da Zubin Mehta. È questa la fotografia sonora…

LUIS ANTERO – Terra d’água (Galaverna, 2013) Un’idea di rappresentazione sonora del tutto analoga a quella espressa dai connazionali Pedro Tudela e Miguel Carvalhais (@C) nella precedente pubblicazione di Galaverna “Re:Fujaco” è sottostante all’esplorazione di ambienti suburbani compiuti da Luis Antero in “Terra d’água”. Non sembra affatto un caso che gli stessi Tudela e Carvalhais…

ASFÉRICO – Sonidos del Subconsciente (I) (Galaverna, 2012) L’ultima pubblicazione della netlabel Galaverna, curata da Leandro Pisano ed Enrico Coniglio, è una suite di venticinque minuti realizzata sotto l’alias Asférico dall’artista, dj e produttore spagnolo Alex Gámez. “Sonidos del Subconsciente (I)” è la prima parte di un più ampio progetto di composizioni incentrate su field recordings e…

@C – Re:Fujaco (Galaverna, 2012) Oltre il suono, capita sovente di ritrovare artisti sperimentali intenti a catturare istantanee di luoghi più o meno ameni attraverso gli echi concreti dagli stessi emanati. L’ultima di queste cartoline in movimento, tradotte attraverso mezzi auditivi, proviene dal Portogallo, più precisamente dal villaggio montano di Fujaco, dove Pedro Tudela e…