RYAN FRANCESCONI – Parables (Sweet Dreams, 2010) Reduce da stimolanti esperienze collaborative, che lo hanno visto protagonista degli ultimi dischi di Joanna Newsom e del delizioso binomio melodico con Lili De La Mora, a ben quattro anni da “Views Of Distant Towns”, Ryan Francesconi depone l’acronimo RF, tornando all’essenza primaria della sua musica, con un…

WILD NOTHING – Gemini (Captured Tracks, 2010) Un passato in un’improbabile band surf-punk, qualche timido tentativo cantautorale e, finalmente, una nuova dimensione che esplora tante diverse sfaccettature del pop, in un omaggio sincero e appassionato. Questa, in breve, la parabola di tale Jack Tatum, musicista originario della Virginia che con l’esordio del suo ultimo progetto…

PHANTOM DOG BENEATH THE MOON – The Trees, The Sea In A Lunar Stream (Rusted Rail, 2010) L’ultima proposta della benemerita etichetta irlandese Rusted Rail combina i caratteri più avanguardisti dell’attuale cantautorato folk con una sensibilità post-classica che fa ampio uso di una strumentazione orchestrale e di una lunga serie di organi analogici e texture…

PIANO MAGIC – Home Recordings (Second Language, 2010) Questo disco non potrà essere acquistato attraverso i canali più o meno consueti. Anzi, a ben vedere non può nemmeno considerarsi un’uscita discografica nel senso proprio del termine, non essendo provvista di alcuna distribuzione né di autonoma commerciabilità. L’austero strumentale vittoriano collocato al termine del cd e…

JURI LENARD AND FRIENDS – Naked Seashore (Insecta, 2010) Scelta particolare e decisamente minoritaria per una band italiana, quella di dedicarsi a uno scarno canzoniere acustico cantato in inglese; scelta consapevole e quanto mai aliena dalle perverse logiche del mercato indipendente nazionale, quella di Juri Lenard And Friends, quartetto friulano che, come da ragione sociale,…

HORSE FEATHERS – Thistled Spring (Kill Rock Stars, 2010) Nella successione delle stagioni di Jason Ringle e dei suoi Horse Feathers, all’inverno di “House With No Home” segue la primavera consacrata in questo terzo “Thistled Spring” ed evidente fin dall’esplosione di gemme della copertina, che si sostituisce al paesaggio innevato dell’album precedente. L’inesorabile trascorrere del…

memories: COLD HOUSE

HOOD – Cold House (Domino, 2001) Inghilterra, primi anni 2000: la transizione cronologica si manifesta con tutta la sua efficacia, palesando in maniera ancor più sensibile quell’esigenza di rimescolare modalità espressive e forme musicali, dalla quale anche nel decennio precedente la scena inglese è stata tutt’altro che aliena. E forse nessuno meglio degli Hood dei…

LES MANGE-TOUT – Les Mange-Tout (Sister Who, 2010) Una copertina sbarazzina dai mille colori e quasi altrettanti strumenti suonati nel corso del disco introducono il duo italo-francese Les Mange-Tout, al debutto sulla lunga distanza dopo un sotterraneo mini, pubblicato qualche tempo fa per la compianta My Honey Records. Tra Genova e Le Havre, le due…

THE MAGICKAL FOLK OF THE FARAWAY TREE – The Soup & The Shilling (Deserted Village/Deadslackstring, 2010) Il nome di David Colohan è forse già abbastanza familiare a quanti seguono le derive più vitali attraversate dalle infinite trasformazioni del folk degli ultimi anni, ma non è certamente ancora riconosciuto come meriterebbe la forza evocativa e la…