music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

A MOTE OF DUST – A Mote Of Dust II
(Babi Yaga, 2019)

Una lunga storia musicale, una dimensione di puro understatement e un’affinità istintiva presiedono alla scoperta del secondo disco omonimo di A Mote Of Dust. La storia è quella di Craig B. (Beaton), veterano della scena alternativa scozzese fin dai tardi anni Novanta, con la sua militanza in Ganger e Aereogramme e, in tempi più recenti, in The Unwinding Hours), l’understatement è tanto quello produttivo quanto di espressione odierna delle sue canzoni, l’affinità percepita consiste nello spontaneo collegamento mentale e di sensazioni suscitato al loro ascolto verso il culto umbratile (e mai sufficientemente celebrato) dei Savoy Grand.

Ecco, anche se forse non per molti, quest’ultimo fattore potrebbe essere già sufficiente a valorizzare il più recente lavoro dell’artista scozzese, realizzato come il precedente del 2015 con la collaborazione di Graeme Smillie al basso e al pianoforte. Ad alimentarlo sono immediatamente le compassate note acustiche del brano d’apertura e le interpretazioni di sommesso lirismo di Beaton, che dischiudono la sua poetica di placida introspezione. Benché i toni di quasi tutti i brani siano notevolmente sfumati, il loro intimismo non è circoscritto a registri soltanto minimali ma, proprio grazie all’interlocuzione strumentale con Smillie, si arricchisce di soluzioni sonore che spaziano da semplici linee armoniche di chitarra o pianoforte, tutt’al più incorniciate da ovattate stratificazioni sintetiche, a progressioni che amplificano il pur soffice pathos interpretativo dell’artista scozzese.

Tra atmosfere a tratti lievemente oscure e aperture in moderato crescendo, i passaggi più toccanti del lavoro coincidono con le ballate in penombra, assistite quasi soltanto da note pianistiche tanto scarne e dimesse quanto fluidamente emozionali che, al di là di qualsiasi pur lusinghiera affinità possano richiamare, attestano l’ispirata sensibilità di scrittura di Beaton, artista da sempre e per sua natura a proprio agio in una dimessa dimensione creativa e, proprio per questo, tutto da (ri)scoprire.

http://www.amoteofdust.com/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: