GALATIMOSCONI – Dissolve (Rohs! Records, 2019) Sono nuovamente immagini dai contorni indefiniti a contrassegnare il secondo capitolo dell’incontro tra le sensibilità artistiche di Roberto Galati e Federico Mosconi, che di tutta evidenza concreta non una collaborazione estemporanea, bensì un progetto lucidamente condiviso. Due anni dopo la “Penombra” del primo episodio, sono dissolvenze al tempo stesso…

GALATI – Fragility (Databloem, 2019) Il viaggio, la dislocazione fisica in luoghi remoti e impervi rappresentano per Roberto Galati continua fonte di ispirazione, che lo conduce a riflessioni profonde dimensioni fisiche inattingibili e solo apparentemente aliene rispetto alle sue manipolazioni sonore. Come nel periodo creativo che ha presieduto a “Mother” (2014), l’artista padovano è tornato…

rearview mirror: 2018

Anche quest’anno, per la settima volta, è giunto il momento di tornare a guardarsi indietro, ai mesi trascorsi e alla musica che li ha popolati. Mentre il rumore di fondo delle tradizionali classifiche di fine anno non si è ancora diradato, mentre tutti sono concentrati nel non perdere il passo con le novità dell’annata che…

GALATI – Silence (As A Din) (Databloem, 2018) Non ci si lasci fuorviare dal primo termine del titolo: al nuovo lavoro di Roberto Galati non corrisponde l’abbandono dell’imponente materia chitarristica proposta ad esempio in “Mother” (2014) e in “Gletscher” (2015) in favore di una ben più impalpabile declinazione ambientale, liminare al silenzio. Nel silenzio, l’artista…

GALATIMOSCONI – Penombra (KrysaliSound, 2017) La fisicità esplorata da Roberto Galati e l’impalpabile paesaggismo ambientale di Federico Mosconi si combinano si combinano in un terzo genere di materia sonora, collocato anche simbolicamente in una linea indefinita e variabile di “Penombra”. Non è nemmeno necessario scorrere i titoli degli otto densi brani dei quali si compone…

GALATI – Gletscher (Tranquillo / Psychonavigation, 2015) È ancora il viaggio, inteso quale ricerca del sé, la scintilla ispiratrice di Roberto Galati nella creazione di universi sonori sempre più improntati a un ascetismo in grado di avvicinare all’essenza del mondo immanente e a una trascendenza da vivere quale duratura esperienza percettiva. Non è più solo…

GALATI – Mother (Psychonavigation, 2014) Il peregrinare di Roberto Galati alla ricerca di un’essenza al tempo stesso naturale, sonora e umana, lo ha condotto a diretto contatto con la Madre Terra in luoghi affascinanti e impervi quali la Groenlandia e l’Himalaya. Da tali esperienze ha tratto spunto “Mother”, suo secondo lavoro per l’irlandese Psychonavigation, che…