music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

the_perfect_english_weather_sobar_bluesTHE PERFECT ENGLISH WEATHER – Isobar Blues
(Matinée, 2016)

Riemersi alla produzione discografica dopo quasi vent’anni con i loro Popguns (“Pop Fiction”, 2014), la cantante Wendy Morgan e il chitarrista Simon Pickles hanno riscoperto a tal punto l’inestinguibile passione per il pop da intraprendere una nuova avventura di coppia, nella musica e nella vita, che fin dalla denominazione e dall’iconografia sotto le quali si presenta, collima appieno con quell’estetica indie-pop che non ci si stancherebbe mai di ricordare come non conosca tempo né età.

Ecco dunque The Perfect English Weather, idea che è insieme dichiarazione d’appartenenza geografica, professione sentimentale e artistica, tradotta in dieci canzoni mutevoli come la pressione atmosferica e in continuo movimento come le correnti d’alta quota. Fuor di metafora (ma nemmeno poi tanto), “Isobar Blues” mette in mostra il lato più sbarazzino, semplice e immediato del duo, non a caso nato come divertissement casalingo destinato a caratterizzarsi in senso prevalentemente acustico. Invece, quelli che dovevano essere demo o poco più sono diventati un prodotto finito, nel quale le chitarre elettriche continuano ad avere un ruolo significativo, anche se non esclusivo.

Il contesto più circoscritto rispetto a quello della band d’origine consente comunque al duo di depotenziare la grana elettrica di popsong dalla durata “radiofonica” media di poco superiore ai tre minuti, dando così luogo a una varietà di suoni e sensazioni che corrono sul filo di melodie fluide e aggraziate. Benché non manchino nostalgici accenni jangly (“Hit Town (A.T.H.E.N.S.)”) e sbarazzine incursioni twee (“Spirited Away”), il tono complessivo del lavoro si mantiene tra i due cardini di un understatement acustico dai riflessi nostalgici (“London In Your Eyes”, “Christmas Single (Call Me)” e, ovviamente, “English Weather”) e di una matura raffinatezza pop fuori dal tempo (“The Sweetest Feeling”, “Try A Little Harder”).

“Isobar Blues” risulta così un album delizioso, nella sua agrodolce freschezza di scrittura e nella leggerezza di melodie dalle quali traspare la spontaneità dello spirito di un duo, che nel pop più genuino non smette di trovare il proprio veicolo espressivo privilegiato, l’unico davvero possibile.

https://www.facebook.com/theperfectenglishweather/

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 25 novembre 2016 da in recensioni 2016 con tag , , , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: