music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

svarte_greiner_moss_gardenSVARTE GREINER – Moss Garden
(Miasmah, 2016)

Pur reduce dalla splendida ristampa ampliata che ha celebrato il decennale di “Pale Ravine”, Erik Skodvin non è certo artista tale da indulgere in ricordi del proprio passato. Ecco dunque l’artista norvegese tornare al proprio progetto personale Svarte Greiner, senz’altro quello più tenebroso e sperimentale della sua composita personalità artistica, riprendendo il percorso lasciato in sospeso dal precedente “Black Tie” (2013).

Non dissimili sono le premesse delle due lunghe tracce di circa venti minuti l’una che riempiono le facciate del vinile di “Moss Garden”, accomunate entrambe da una gradualità di svolgimento che ne amplifica il contenuto cinematico. La prima, “The Marble”, è un esile drone che avanza attraverso vapori caliginosi secondo diversi gradi di saturazione, mantenendo comunque sempre una consistenza levigata e avvolgente; comincia invece con una detonazione rumorosa il secondo brano “Garden”, che rimanda al lato più contorto delle sperimentazioni ambientali di Skodvin, prima di depotenziarsi ben presto in particelle cupamente silenti, delle quali si coglie appena una latenza pervasa da sensazioni di visionaria inquietudine ambientale.

https://www.facebook.com/pages/Svarte-Greiner/

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 25 novembre 2016 da in recensioni 2016 con tag , , , , , , , .
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: