music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

BARRY KERNACHAN – Layers
(Preserved Sound, 2018)

Un microcosmo di paesaggi e sensazioni trova origine in una singola nota pianistica nei dieci brani riuniti nell’organica forma del nuovo album di Barry Kernachan. Come da titolo, “Layers” è il frutto di una successiva stratificazione di suoni ed elementi intorno a estemporanei frammenti armonici e a irregolari interstizi tra note dalle frequenze irregolari, che come tali trasmettono un senso di quiete sospesa e riflessiva.

Alternando la purezza cristallina del pianoforte a granulose saturazioni di elettricità statica, nei brani di “Layers” il compositore inglese riassume a sistema il suo approccio al tempo stesso istintivo e ragionato a una materia sonora di evanescente fragilità, il cui comune denominatore è determinato da un minimalismo non puramente di maniera. L’esperienza di Kernachan nell’associazione della musica alle immagini si percepisce nella leggerezza cinematica del lavoro, lungo i cui tre quarti d’ora di durata si dispiega una vivida galleria di sensazioni pianistico-ambientali.

https://www.facebook.com/BKMScore/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 1 aprile 2018 da in recensioni 2018 con tag , , , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: