music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

CARNET DE VOYAGE – Melo Disko (Gare du Nord, 2019) Non è il semplice modernariato sintetico a fungere da base per Carnet de Voyage, biglietto aperto per un passato non … Continua a leggere

22 giugno 2019 · Lascia un commento

KEIRON PHELAN – Peace Signs (Gare du Nord, 2018) Parafrasando la celebre battuta di Forrest Gump, ogni disco di Keiron Phelan è come una scatola di cioccolatini, non sai mai … Continua a leggere

21 novembre 2018 · Lascia un commento

PAPERNUT CAMBRIDGE – Outstairs Instairs (Gare du Nord, 2018) È ormai diventata una piacevole abitudine quella che vede Ian Button (Death In Vegas) riavviare per la quarta volta i motori … Continua a leggere

29 giugno 2018 · Lascia un commento

JACK HAYTER – Abbey Wood (Gare du Nord, 2018)* C’è qualcosa di tipicamente inglese nella ricerca di luoghi e di storie avvolte dai contorni di un’eleganza inquieta e decadente, che … Continua a leggere

19 marzo 2018 · Lascia un commento

RALEGH LONG – We Are In The Fields E.P. (Gare du Nord, 2016) Ci sono tanti diversi modi per rappresentare in musica ambienti bucolici; dalle incantate atmosfere acustiche dei moderni … Continua a leggere

20 dicembre 2016 · Lascia un commento

PAPERNUT CAMBRIDGE – Love The Things Your Lover Loves (Gare du Nord, 2016) Due autori navigati dai percorsi diversi hanno ormai dato vita a un sodalizio ormai stabile nella sua estemporaneità. … Continua a leggere

17 giugno 2016 · Lascia un commento

PAPERNUT CAMBRIDGE – There’s No Underground (Gare du Nord, 2014) I sotterranei musicali inglesi Ian Button li ha vissuti per un quarto di secolo, legando in particolare la propria attività ai … Continua a leggere

18 novembre 2014 · Lascia un commento