music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

paper_cranes_the_road_homePAPER CRANES 折り鶴 – The Road Home
(Self Released, 2015)

Gli ideogrammi che campeggiano accanto al nome dei neozelandesi Paper Cranes non sono un semplice vezzo per identificare il duo dei coniugi Fraser e Naomi Browne rispetto ad altre band omonime. Sono anche e soprattutto la manifestazione esteriore dell’interesse, in particolare della metà femminile del duo, per la cultura giapponese, del resto già omaggiata proprio nella scelta della denominazione: come le figure di carta dell’arte giapponese dell’origami, le undici canzoni di “The Road Home” sono leggere e si reggono su un equilibrio fragile eppure perfetto.

Sono semplici canzoni indie-folk, alimentate da una spiccata sensibilità melodica, tuttavia tradotta in una varietà di soluzioni, gravitanti intorno alle doti di polistrumentisti del duo e all’intreccio tra le voci, che dà spesso luogo a una vivace coralità. Prendono così forma passaggi solari e scorrevoli, da brillante orchestrina folk rock, quali “Again & Again “ e “Stones, Birds & Aces”, o sviluppate da partiture pianistiche (l’iniziale “Little Darling”) e da strimpellate acustiche (“Runaway”).

Ma nella dimensione domestica dei coniugi Browne vi è anche e soprattutto spazio per ballate in penombra che indirizzano “The Road Home” verso tonalità più lente e sfumate ma non per questo meno intense. Anzi, è proprio in quest’ultima veste che il duo fa rifulgere al meglio le proprie le doti di armonizzazione e arrangiamento, di volta in volta espresse sotto forma delle dilatate lentezze di “Tillsammans, Futaride” e della cullante “Come, Sweet Sleep” e nelle raccolte declinazioni di delicatezza folk di “Every Part Of Me” ed “Everything, You”, suggellate dalla cover del classico “In The Pines”.

In questi passaggi più che altrove si comprende la suggestione riassunta dal duo neozelandese nella rappresentazione del proprio nome nella sua originaria forma giapponese, al tempo stesso un omaggio e una manifestazione d’intenti artistici, fedelmente tradotta in canzoni folk artigianali, dalla consistenza lieve e preziosa.

http://www.papercranes.co.nz/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 20 agosto 2015 da in recensioni 2015 con tag , , , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: