music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

we_mythical_kings_visitationsWE MYTHICAL KINGS – Visitations
(Little Crackd Rabbit, 2015)

Sedici brevi frammenti di elettronica in forma libera segnano il debutto di We Mythical Kings, duo formato da Raz Ullah e Peter Philipson, che in “Visitations” condensano le rispettive variazioni dei segnali prodotti da chitarre e synth.

Tanto pesantemente stravolte da effetti sono le matrici sonore originarie da risultare pressoché irriconoscibili nelle elucubrazioni dei due sperimentatori inglesi, che pure in un delirio di modulazioni, detriti cosmici e drone oscuri non rinunciano a brandelli di armonie sintetiche in progressione (ad esempio in “Ancient Splendor” e nelle oscillazioni di “Coloured By Love”, brani tra quelli meno destrutturati del lotto).

Ciononostante, “Visitations” resta un viaggio visionario e a tratti allucinato in un universo sonoro torbido e a tratti spigoloso, che trova tuttavia sorprendente esito finale nelle riflessive trasparenze acustiche di “The Greater The Beauty, The More Terrible The Death”, emblema di come anche il caos organizzato delle sperimentazioni più ardite condotte attraverso le macchine possa mantenere e palesare il contenuto umano ad esso sottostante.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 28 novembre 2015 da in recensioni 2015 con tag , , , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: