music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

james_harker_the_ebb_and_flowJAMES HARKER – The Ebb And Flow
(Self Released, 2015)

Tra il flusso e la risacca della marea che, oltre a designare nel titolo il secondo lavoro di James Harker ne segnano coerentemente l’inizio e la fine, scorre l’universo di un artista che nell’eccentricità e nell’originale pluralità di registri ha trovato l’essenza del proprio percorso personale ed espressivo.

Circoscritto appunto da “The Ebb” e “The Flow”, due eleganti miniature cameristiche costruite sul dialogo tra pianoforte e archi, “The Ebb And Flow” è un lavoro estremamente ricco di sfaccettature, persino spiazzante come alcuni passaggi della stessa biografia del musicista inglese, comparsa in una riedizione universitaria di “The Full Monty”, pianista in un ristorante italiano, rappresentante di alcoolici e altro ancora che comunque non l’ha distolto dal coltivare una propria autonoma fisionomia espressiva, che contempla anche l’esperienza electro-pop del duo Vast & Harker.

Lo spazio tra le due tracce strumentali che delimitano il lavoro è occupato da un ampio campionario di combinazioni tra neoclassicismo cameristico e scrittura cantautorale, che va dal chamber-folk vivace di “Alligator” alle ballate pianistiche dal vago sapore jazzy “Ferry Lane Bridge” e “Canute”, da canzoni sostenute da un tono deciso come “Fisher King” alla levità armonica di “Swanbourne” e al delicato incanto di “And Then, Winter”, che vive di sparse note di pianoforte e di una costruzione armonica degna di un Patrick Watson in sedicesimi.

In tutto ciò non svanisce affatto la vena di compositore di james Harker, che si dimostra pienamente efficace tanto nei passaggi strumentali fluidi e palpitanti (“Iburndale”, “A Current Under Sea”) quanto nelle orchestrazioni che sostengono i suoi brani cantati, secondo una sapiente miscela di teatralità e fragile intimismo. Entrambi i profili convivono in equilibrio in “The Ebb And Flow”, lavoro nel quale neoclassicismo e songwriting trovano una sintesi priva di evidenti iati, in un’ibridazione frutto di una personalità davvero particolare.

http://jamesharkermusic.com/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 15 dicembre 2015 da in recensioni 2015 con tag , , , , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: