music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

andrew_lang_burnt_shadesANDREW LANG – Burnt Shades
(Whitelabrecs, 2016)

L’universalità del linguaggio del minimalismo pianistico trova nuova voce in Andrew Lang, pianista australiano al debutto discografico con “Burnt Shades”, lavoro breve che segue un Ep pubblicato in versione digitale tre anni fa.

In meno di mezz’ora, Lang offre un esaustivo saggio della sua capacità di creare bozzetti sonori costituiti non solo da fragili stille armoniche ma anche di un’ovattata congerie di risonanze, che ne amplificano la portata, definendone lo spazio sonoro nel quale sono collocate. È l’essenza di una prassi ambientale applicata al pianoforte, condivisa con maestri moderni quali Nils Frahm, Max Richter e altri, declinata da Land secondo una varietà di registri che, pur mantenendosi su un solco generalmente minimale, non mancano di pennellare fluidi crescendo melodici (in particolare in “Daze”).

“Burnt Shades” appare così il frutto, semplice ma finemente congegnato, di una sensibilità neoclassica non circoscritta all’esercizio accademico né alla sola ambientazione sonora, bensì tale da pennellare attraverso le note del pianoforte istantanee armoniche dalle buone potenzialità descrittivo-emozionali.

http://www.facebook.com/andrewlangmusician

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 11 maggio 2016 da in recensioni 2016 con tag , , , , , , , .
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: