music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

ben_mcelroy_bird_stoneBEN MCELROY – Bird-Stone
(Whitelabrecs, 2016)

I viaggi tra reale e immaginario attraverso l’ambiente rurale britannico presente e (tra)passato annoverano tra i propri ideali nocchieri anche Ben McElroy, già autore di una serie di Ep a proprio nome o sotto l’alias The Four Fishermen.

Le cinque tracce del recente “Bird-Stone” rappresentano il lavoro più organico finora realizzato dall’artista inglese, che non si limita a delineare ambientazioni bucoliche e sottilmente spettrali, ma le riempie di contenuto umano e armonico, impiegando anche l’elemento vocale. Restano tuttavia gli archi i protagonisti principali del lavoro, modulati in movimenti prolungati e vibrazioni evocative, che creano atmosfere arcane e dense di suggestioni cinematiche.

Si tratta dello sfondo scenografico, pur pienamente autosufficiente dal punto di vista espressivo, sul quale McElroy innesta le calde timbriche di corde acustiche arpeggiate e la sua voce narrante, in forma di declamazione piuttosto che di vero e proprio canto, che trasforma la sua ricerca di immagini e sensazioni fuori dal tempo in narrazioni bucoliche visionarie, combinazione di musica da camera, ambience acustica e ancestrali linguaggi folk.

https://www.facebook.com/benmcelroy4/

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 18 agosto 2016 da in recensioni 2016 con tag , , , , , , , .
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: