music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

MICHAEL CUTTING – Luft
(Eilean, 2019)

Non è solo figurato il sottile velo di polvere che avvolge i sette brani di “Luft”, secondo lavoro dello sperimentatore analogico Michael Cutting: per realizzarli, l’artista inglese ha infatti utilizzato un organo ottocentesco, intorno al quale ha costruito un microcosmo sonoro costellato, oltre che da iterative emissioni di frequenze, da un ampio campionario di loop e minuti detriti atmosferici.

All’antichità materiale dello strumento corrisponde in maniera speculare il modernariato analogico dei vecchi nastri utilizzati da Cutting a loro volta quale fonte di crepiti e microtoni che si saldano a scheletri armonici che nel breve corso del lavoro si fanno via via più pronunciati e spettrali. Il tutto è completato da occasionali vocalizzi e minuti inserti di violino e fiati che, appena sotto la loro patina polverosa, rivelano paesaggi sonori intrisi di un tepore ovattato e atemporale.

https://www.michaelcutting.co.uk/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 10 agosto 2019 da in recensioni 2019 con tag , , , , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: