music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

SONS OF NOEL AND ADRIAN – Your Tunnel That Connects My Arm To A God-Fearing Woman Who Lives In The Dark
(Willkommen, 2012)

A pochi mesi di distanza dall’enigmatico “Knots”, il supergruppo folk rappresentativo del Willkommen Collective attinge dal proprio passato per rilasciare una raccolta dal titolo chilometrico, costituita da rarità, inediti e outtake originariamente composte a cavallo tra il primo e il secondo album ufficiale.
Non è difficile, tra le undici tracce del lavoro, riscontrare tutte le sfaccettature di Sons Of Noel And Adrian, in bilico tra tradizione folk, accenti corali e una sbilenca vena orchestrale, espressa in arrangiamenti che esaltano i tratti tenebrosi e sperimentali di una vocalità sempre sghemba e inafferrabile.

Si tratta di uno dei caratteri peculiari ma, al tempo stesso, potenzialmente respingenti della firma stilistica dell’ampia band (formata tra gli altri da membri di The Leisure Society e The Miserable Rich), così come ricorrono nei torbidi inediti “Beverly” e “What Work Could Do For You”, nelle tre tracce dell’Ep “Rivers” e nelle altrettante tratte da “The Wreck Is Not A Boat”, una delle quali – “Ruby” – era il frutto di un’ardita collaborazione con gli Isan.
Di sicuro interesse per gli affezionati seguaci del Willkommen Collective, la cover di “Save It For Someone Who Cares” originariamente compresa in una raccolta nella quale vari artisti del collettivo rielaboravano canzone per canzone lo splendido debutto di The Leisure Society, “The Sleeper”.

Disomogea per la sua stessa natura – visto che non solo i brani sono stati registrati in periodi diversi ma, in ragione della natura di collettivo aperto della band, anche da parte di artisti diversi – la raccolta offre tuttavia un ulteriore spaccato dell’elaborazione sonora condotta da Sons Of Noel And Adrian, la cui missione pare sempre più quella di smentire ogni luogo comune sullo scarso potenziale evolutivo del folk britannico, qui riveduto e plasmato secondo forme variopinte e a tratti contorte, che forse mancano soltanto di convincenti slanci melodici.

http://sonsofnoelandadrian.co.uk/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: