music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

zenjungle_all_of_our_yesterdaysZENJUNGLE – All Of Our Yesterdays
(Futuresequence, 2015)

L’impatto ottundente del rumore e le penetranti iterazioni dei suoi caratteristici fiati popolano il personalissimo viaggio nella memoria di Phil Gardelis. In “All Of Our Yesterdays” l’artista greco che incide sotto l’alias Zenjungle condensa in un’unica traccia lunga ventidue minuti un itinerario angoscioso al cui interno non ricorrono soltanto abrasivi strati di feedback dissonanti ma anche linee armoniche e persino evanescenti frammenti vocali, entrambi comunque trasformati in meri segnali allucinati provenienti da un impervio non luogo della mente.

Attraverso una densa miscela di field recordings, rumorose texture sintetiche e prolungate note di clarinetto e sax (ai quali si aggiungono nell’occasione i samples del corno di Nektarios Manaras), Gardelis offre un’interpretazione ispida e priva di compromessi tanto della tematica “hauntologica” quando di un’elettro-acustica volta non a una contemplazione placida, bensì alla costruzione di una materia sonora concreta e incandescente quale magma sospinto con forza dalle profondità più oscure della terra.

http://www.facebook.com/zenjungleMusic

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: