music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

zelienople_show_us_the_fireZELIENOPLE – Show Us The Fire
(Immune, 2015)

La parallela, copiosa attività solista del cantante e chitarrista Matt Christensen e l’ulteriore avvio da parte sua di nuovi progetti artistici non hanno interrotto e nemmeno rallentato in maniera significativa il percorso degli Zelienople, che tornano a manifestarsi con un lavoro sulla lunga distanza nuovamente dopo un triennio, come già era avvenuto nel caso del precedente “The World Is A House On Fire”.

Parzialmente opposta è, invece, la direzione nella quale il terzetto di Chicago orienta le sette tracce di “Show Us The Fire”, che, a fronte del processo congiunto di rarefazione e definizione melodica seguito negli ultimi lavori, presentano invece spigoli di tensione a stento repressa e linee elettriche a tratti ruvidamente esplicite.
Non viene meno il cantato dolente e atmosferico di Christensen, avviluppato in risonanze visionarie nella title track d’apertura, ma più spesso piano, associato allo scarnificato blues al rallentatore di “Doubt The Reasons”, o addirittura dai toni declamatori più elevati, per tener testa idealmente alla sporca psichedelia delle chitarre roboanti di “Don’t Stop Until You Die” e “Sun In The Eyes”.

L’essenza ipnotica della musica degli Zelienople e le avvampanti narcolessie delle strutture dei loro brani, ancora una volta frutto della combinazione di composizione e improvvisazione, non manca di affiorare nel corso di “Show Us The Fire”, impregnandone anzi gli episodi di più piana e rarefatta suggestione, quali “Blue Sands” e la conclusiva “Uptown” e lo stesso lento profluvio di riverberi e pulsazioni analogiche che ammanta “Tape” di indolenti sensazioni kraut.

Negli appena trentasette minuti del lavoro, la band statunitense condensa così la sua composita sintesi di linguaggi sonori e modalità realizzative, sotto la fioca luce rispecchiata da una superficie sfaccettata, in grado di restituire le immagini allucinate di una seducente psichedelia al rallentatore.

http://zelienopleband.com/

Annunci

Un commento su “

  1. Pingback: Zelienople the world is a house on fire | l'eta' della innocenza

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 22 ottobre 2015 da in recensioni 2015 con tag , , , , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: