music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

basia_bulat_good_adviceBASIA BULAT – Good Advice
(Secret City, 2016)

La copertina del quarto album di Basia Bulat racconta già molto del suo contenuto: all’originaria estetica folk, la cantautrice canadese sostituisce in “Good Advice” un look sofisticato e retrò, che ben rappresenta la sua transizione verso un pop “pettinato” da un taglio sixties e animato da spensieratezza anni ’80.

Prodotte da Jim James dei My Morning Jacket e sostenute da arrangiamenti a tratti magniloquenti, le dieci canzoni di “Good Advice” appaiono concepite come trampolino in grado di proiettare la Bulat sotto riflettori mainstream. Nulla di male, per carità, ma come già nelle sue vesti precedenti la sua scrittura denota limiti tali da non poterla trasformare in altro che in stella pop minore.

(pubblicato su Rockerilla n. 426, febbraio 2016)


http://basiabulat.com/

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 19 marzo 2016 da in recensioni 2016 con tag , , , , , , , , .
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: