music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

braeyden_jae_fog_mirrorBRAEYDEN JAE – Fog Mirror
(Whited Sepulchre, 2016)

Fin dal titolo del suo più recente lavoro su cassetta, Braden McKenna alias Braeyden Jae sembra porsi l’ambizioso obiettivo di moltiplicare, come in un gioco di specchi, l’effetto avviluppante della densa coltre nebbiosa prodotta dalle sue manipolazioni drone.

I cinque brani di “Fog Mirror” corrispondono appunto fedelmente a tale immaginario, materializzato in articolate costruzioni sonore, ora scosse da onde distorsive, ora placidamente rilucenti.

McKenna denota così ampie doti di orchestrazione di texture chitarristiche, plasmate a creare paesaggi atmosferici nei quali si susseguono diversi gradi di saturazione ipnotica, che smarriscono la loro consistenza materica per produrre inafferrabili visioni tra terra e cielo.

https://www.facebook.com/braeydenjae/

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 23 aprile 2016 da in recensioni 2016 con tag , , , , , , , .
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: