music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

ian-william-craig-centresIAN WILLIAM CRAIG – Centres
(Fat Cat / 130701, 2016)

Vi sono vie molto diverse di pervenire alla sperimentazione sul suono: quella di Ian William Craig parte dalla voce, attraversa modulazioni di frequenze, si salda al rumore e, infine, torna ad amplificare il proprio elemento di base sotto una nuova veste, che da materia grezza si trasforma in veicolo comunicativo.

Tutto questo è condensato nell’imponente nono lavoro dell’artista canadese, “Centres”, oltre settanta minuti di flusso sonoro ripartiti in compositi movimenti prodotti da texture analogiche e trasfigurazioni vocali.

All’interno delle risuonanti cattedrali di rumore che ne risultano, si affacciano tuttavia frammenti armonici di definizione sorprendente, approdo ulteriore delle doti visionarie di Craig, capace di creare un’affascinante sinfonia post-moderna per chitarre, tastiere e voce.

http://www.ianwilliamcraig.com/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 13 luglio 2016 da in recensioni 2016 con tag , , , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: