music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

molly_burch_please_be_mineMOLLY BURCH – Please Be Mine
(Captured Tracks, 2017)

Non più solo nostalgie wave hanno diritto di cittadinanza in casa Captured Tracks: benché già da qualche tempo, l’etichetta newyorkese sia andata ampliando lo spettro delle proprie proposte, un album come “Please Be Mine” sembra fatto apposta per scompaginare certezze, ridefinendo il paradigma di un contesto artistico dimostratosi, negli anni, capace di travalicare di gran lunga la semplice nostalgia.

Sempre di nostalgia per tempi andati si tratta, in fondo, anche nel caso del debutto di Molly Burch, cantautrice originaria del North Carolina, che nell’incontro, ad Austin, con Dan Duszynski di Cross Record ha trovato il trampolino di lancio ideale per concretizzare in propria espressione organica una formazione musicale cominciata da giovanissima e transitata anche per frequentazioni jazz.

Se ne percepiscono alcune tracce, sedimentate nel corso dei dieci brani che formano il lavoro, sotto forma di raffinate ambientazioni sonore dal gusto sixties, attribuibili anche al fondamentale contributo del chitarrista Dailey Toliver, che incornicia le suadenti interpretazioni della Burch, amplificandone i caratteri al tempo stesso sognanti ma decisi e profondi. Ne risulta una collezione di canzoni dal gusto piacevolmente vintage, sospeso tra richiami a un’estetica ricercata e polverosa, tuttavia non riconducibile ai soli canoni folk e invece capace di spaziare da accenti soul a tonalità di suadente psichedelia che, combinati al timbro vocale della Burch, non possono fare a meno di richiamare lusinghiere analogie con Hope Sandoval.

E nonostante a “Please Be Mine” manchi forse un ulteriore slancio dal punto di vista della scrittura, non si può certo negare che si tratti di un debutto piacevole, che rivela una nuova interessante voce femminile, dotata di personalità tale da non passare inosservata.


http://www.mollyburchmusic.com/

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 22 febbraio 2017 da in recensioni 2017 con tag , , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: