music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

HAUSCHKA – What If
(City Slang, 2017)

Osservato in filigrana alla sequenza dei suoi dischi, il percorso ormai più che decennale di Volker Bertelmann appare ben più ricco di quanto la sola iniziale ricerca sul “prepared piano” poteva lasciar presagire.

“What If”, ottavo lavoro sulla lunga distanza dell’artista tedesco, ne espande ulteriormente gli orizzonti, combinandone l’originario interesse per le dinamiche rumorose interne allo strumento con le componenti armoniche gradualmente sviluppate nel corso degli anni.

Le sue note pianistiche si rivestono così di contenuti ritmici, ora sfumati ora addirittura frenetici, ovvero si diluiscono in spunti da camera liquidi o jazzy, attestando la vitalità della sua formula di classicità post-moderna.

(pubblicato su Rockerilla n. 439, marzo 2017)

http://hauschka-net.de/

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 9 aprile 2017 da in recensioni 2017 con tag , , , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: