music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

MANKIND – Missing Person
(38, 2017)

In una zona d’ombra accuratamente ricercata si muove il progetto del newyorkese Draye Wilson, alias Mankind. Altrettanto liminare è la natura della suo debutto nel microcosmo delle sperimentazioni su cassetta, in quanto “Missing Person” costituisce il solo aspetto musicale di un più ampio progetto che unisce suono e arte visuale. La prima è costituita da una curiosa combinazione di cantautorato, risonanze droniche e tenebrose cadenze wave.

Comune denominatore è appunto l’oscurità, di ispirazione e contenuto espressivo, nella quale si muove Wilson, che in una breve sequenza di brani dalla durata media di tre minuti attraversa languori drone-folk e retaggi di inquietudine metallica, evaporati in chiave atmosferica. Il canto dolente dell’artista newyorkese – spesso poco più di un’invocazione – spazia così tra accenni di un intimismo addirittura kozelek-iano (intendendo quello delle origini…), austerità dark e caliginose spira ambientali.

“Missing Person” è un lavoro davvero sfuggente alle categorie, un debole segnale da un brulicante sottosuolo creativo, che a sua volta ben incarna le inquietudini che a loro volta popolano i sotterranei dell’animo umano contemporaneo.

http://missing-person.cc/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 10 giugno 2017 da in recensioni 2017 con tag , , , , , , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: