music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

SIAVASH AMINI – TAR
(Hallow Ground, 2017)

Come l’altra punta di diamante della sperimentazione sonora iraniana, Porya Hatami, nel recente “Monads” si è discostato dall’abituale delicato naturalismo ambientale, così nel suo quarto lavoro solista “TAR” Siavash Amini accantona le maestose sinfonie di riverberi chitarristici per quattro dense tracce di distorsioni incandescenti.

Lo fa per descrivere la proiezione collettiva delle inquietudini individuali, incarnata da una tensione elettrica costante, sviluppata in vibrazioni stratificate in prevalenza opprimenti, ma senza tuttavia rinunciare, soprattutto nei due lunghi brani finali, a elevazioni che sembrano indicare la trascendenza quale unica via d’uscita dalla paura. Simbolismo ambient-drone.

(pubblicato su Rockerilla n. 442, giugno 2017)

http://www.facebook.com/siavashaminimusic

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 9 giugno 2017 da in recensioni 2017 con tag , , , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: