music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

PORYA HATAMI – Monads
(Line, 2017)

Anche al protagonista probabilmente più delicato e romantico della scena sperimentale iraniana capita di deviare verso un minimalismo astratto e, in superficie, asettico. È quel che avviene, a valle di una decina tra album solisti e collaborazioni assortite, a Porya Hatami nei dodici frammenti raccolti nel suo ultimo lavoro “Monads” che, come da titolo, indagano l’essenza più profonda di impulsi sintetici non ancora modulati in sequenze armoniche.

Dunque, in luogo degli abituali ceselli elettro-acustici dalle soffuse potenzialità descrittive, l’intero “Monads” vive su iterazioni e screziate dinamiche digitali, che per ampi tratti attraversano decostruzioni e incastri sonori di visionaria post-modernità. Eppure, anche in tale contesto dalle premesse puramente cerebrali, l’artista iraniano riesce a inserire elementi di un descrittivismo ambientale che non rinuncia a un’umanità di approccio nell’occasione veicolata dal minuzioso dosaggio di emissioni sintetiche primigenie.

http://www.poryahatami.com/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 31 maggio 2017 da in recensioni 2017 con tag , , , , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: