music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

MARK FOSSON – Solo Guitar
(Drag City, 2017)

Non solo moderni interpreti capaci di proiettare il fingerpicking a veicolo di polverose descrizioni ambientali, ma anche interpreti pionieristici continuano a tener viva la pratica delle corde acustiche, dodici o sei che siano. A quest’ultima categoria si può a ragione ascrivere Mark Fosson, la cui esperienza artistica, cominciata con John Fahey, è ripresa attivamente negli ultimi anni, prima con la pubblicazione di una raccolta di vecchio materiale, poi con un album di inediti (“kY”, 2015).

“Solo Guitar” ne è la diretta continuazione, sotto forma di28 nove brevi strumentali nei quali l’artista originario del Kentucky corona la transizione dal primitivismo originario alla purezza cristallina di trame armoniche che, depurate da eccessi virtuosistici, sono in grado di riassumere tutta l’essenza di una pratica antica, ma mai anacronistica. Anzi, storia e presente di Fosson sono qui a dimostrarne una vitalità non circoscritta alle contaminazioni, dotata com’è di piena autosufficienza nella rappresentazione di un tempo indefinito, cristallizzato tra polvere tangibile e trascendenza.

https://markfosson.bandcamp.com/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 5 agosto 2017 da in recensioni 2017 con tag , , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: