music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

CUT WORMS – Hollow Ground
(Jagjaguwar, 2018)

Giornate luminose, sole sulla pelle e quel desiderio di evasione che, almeno ogni tanto, coinvolge persino animi inclini alla solitudine e alla nostalgia: in queste sensazioni universali può riassumersi l’album di debutto di Max Clarke, alias Cut Worms, radicato nella contemporanea dimensione creativa solitaria ma innervato da uno spiccato gusto pop sixties.

Clarke suona infatti tutti gli strumenti di “Hollow Ground”, alternando cartoline surf, spensierate e niente affatto sbiadite, a più riflessivi passaggi di lieve lirismo a base folk. L’aura vintage che promana dalle sue dieci divertite popsong risulta scorrevole e autentica, frutto di non sola nostalgia.

(pubblicato su Rockerilla n. 453, maggio 2018) 

https://www.facebook.com/TheCutWorms/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 9 maggio 2018 da in recensioni 2018 con tag , , , , , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: