music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

SALOLI – The Deep End
(Kranky, 2018)

Cosa può suggerire un’idea di naturale consistenza liquida meglio di una piscina termale? Le atmosfere di umido tepore e di rilassata osmosi con gli elementi non rappresentano un’ispirazione astratta, bensì la concreta destinazione delle composizioni per synth analogici di Mary Sutton, al debutto solista sotto l’alias Saloli.

I nove brani di “The Deep End”, ricavati appunto da una performance dell’artista di Portland all’interno di una sauna e presentati in presa diretta senza alcuna post-produzione, trasmettono infatti un senso di quiete e di sottile torpore, suscitato da vaporosi flussi di sonori che si svolgono in parabole al tempo stesso ipnotiche e giocose, attraverso istintivi snodi compositivi. Benché nell’irenica condizione suggerita dal lavoro non manchino iterazioni d’impulsi orientate a derive lievemente acide (“Anthem”, “Reverie”), il retroterra espressivo di Mary Sutton come pianista si manifesta piuttosto in tremule filigrane armoniche (“Ice World”) e cullanti progressioni di frequenze (“Umbrellas”, “Lullaby”), alle quali abbandonare corpo e spirito. Like floating.

http://saloli.bandcamp.com/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 26 ottobre 2018 da in recensioni 2018 con tag , , , , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: