music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

LOU RICHARDS – Good Woman E.P.
(Black Robin, 2018)

Una voce capace di incantare, toccando corde profonde, torna a riempire di sé lo spazio di una stanza, accompagnata dalle esili vibrazioni di un picking acustico dalle stillate risonanze; la voce è quella di Lou Richards, che per la prima volta si libra solitaria, fuori dall’alveo del duo Red Trees, condiviso con il compagno Chris Beckett lungo il corso di quattro Ep e di un album (“Give Love”, 2015), di ovattata magia.

Non meno ovattati sono i toni e le atmosfere che circondano i sei brani del suo primo Ep “Good Woman”, che tuttavia rappresentano il portato di significativi cambiamenti che hanno riguardato Lou nell’ultimo triennio, sotto il profilo personale e artistico. Il secondo rispecchia fedelmente il primo, come d’abitudine per una musicista che nelle proprie canzoni rifonde l’esplicitazione di una sensibilità umana che del resto traspare nel naturale, palpitante understatement che le circonda.

Nell’occasione, Lou è supportata da parte di Bruno Merz che, rimasto affascinato dalla sua voce durante un evento dal vivo di un paio d’anni fa, ha prodotto e registrato l’Ep, aggiungendo con estrema discrezione ulteriori filigrane acustiche al suo delicatissimo picking e alle sete preziose delle sue interpretazioni.

Le canzoni raccolte in “Good Woman” risalgono a un paio di anni fa, quando Lou stava per dare alla luce la sua prima figlia, e proprio per questo evidenziano all’ennesima potenza la grazia tutta femminile del suo songwriting, applicato a un diario di storie ed emozioni strettamente personali, proiettate all’armonia con l’ecosistema circostante e accomunate dal tema delle transizioni naturali. Così, sul fragile equilibrio tra ambiente esteriore e dimensione emotiva individuale assumono diafana consistenza le canzoni di Lou Richards, radicate in un trasognato intimismo folk, i cui tempi dilatati lasciano spazio alle sue ireniche armonizzazioni.

Nella concisione dei suoi appena venti minuti, l’Ep consente dunque di ritrovare una voce capace di magie ultraterrene e una sensibilità spontaneamente umbratile, il cui respiro non resta confinato tra quattro mura, bensì abbraccia evocativi orizzonti naturali.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 9 novembre 2018 da in recensioni 2018 con tag , , , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: