music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

BILL MACKAY – Fountain Fire
(Drag City, 2019)

Non basta l’iconografia seppiata della copertina di “Fountain Fire” a fare di Bill MacKay un virtuoso delle sei corde dallo sguardo rivolto al passato. Tutt’altro, perché gli agili otto pezzi del nuovo lavoro del chitarrista chicagoano delineano vasti orizzonti stilistici attraverso serrati avvicendamenti tra slide, arpeggi acustici e toni elettrici distorti.

Benché in “Fountain Fire” non manchino componenti di ritualismo polveroso, vi si riscontra soprattutto un’ampiezza di visione armonica che abbraccia folk pastorale e acide derive psych, introducendo anche in un paio di brani elementi vocali che ne completano i caratteri di evocazione ancestrale.

(pubblicato su Rockerilla n. 464, aprile 2019)

http://www.billmackay.com/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: