music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

DIIV – Deceiver
(Captured Tracks, 2019)

Come ogni buon album “indie” che si rispetti, anche il terzo dei DIIV di Zachary Cole Smith è accompagnato da un substrato narrativo. Al di là di un epos che parla di crisi e rinascita personale, “Deceiver” rappresenta per la band newyorkese un nuovo inizio soprattutto dal punto di vista dell’impatto sonoro, ulteriormente irrobustito rispetto al revivalismo pop-wave dei due predecessori.

Le nuove canzoni sono infatti innervate da una grana chitarristica decisamente più pronunciata, che sostiene melodie scorrevoli, ancora percorse da qualche venatura tenebrosa. All’ostentata rinascita dei DIIV corrisponde dunque un’apprezzabile maturità di suono e scrittura.

(pubblicato su Rockerilla n. 470, ottobre 2019)

http://www.diiv.net/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 11 ottobre 2019 da in recensioni 2019 con tag , , , , , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: