music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

HENNING SCHMIEDT – Klavierraum, später
(Flau, 2019)

Dodici anni dopo il suo debutto (“Klavierraum”, 2007), Henning Schmiedt torna idealmente nel luogo nel quale le sue composizioni prendono abitualmente forma: la stanza del pianoforte. Mentre l’ambiente è rimasto il medesimo, almeno in parte mutata è la sensibilità dell’artista tedesco, che nel frattempo ha espanso i propri interessi dal jazz all’elettronica.

Nei dodici brani inediti, ampiamente tratti dalle session dell’epoca, il pianoforte torna a essere protagonista indiscusso, non soltanto nel descrivere ricami melodici dotati di una varietà di sfumature, ma soprattutto nel definire uno spazio sonoro nel quale si manifesta una incontaminata ispirazione.

(pubblicato su Rockerilla n. 473, gennaio 2020)

https://www.facebook.com/Henning-Schmiedt/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 30 gennaio 2020 da in recensioni 2019 con tag , , , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: