HANNES BUDER
Outside Words
(Laaps, 2021)*

Sempre più spesso, le proposte che destano maggiori spunti di interesse tra le numerose che muovono da una base strumentale classica sono quelle in qualche misura oblique e comunque non convenzionali per elementi costitutivi e modalità di realizzazione.

Tra queste si può ascrivere senz’altro l’ultima opera del navigato musicista tedesco Hannes Buder, articolata in cinque brevi stanze e una lunga sonata, nelle quali violoncello, chitarra e voce si combinano in una serie di ardite intersezioni. Le armonizzazioni vocali completano come se fossero un ulteriore strumento l’incedere delle vibrazioni dell’archetto sulle corde, ora lento e solenne, ora nervoso e a tratti persino distorto.

Tutti i brani risultano estremamente fluidi, dispiegando il proprio compassato minimalismo in costruzioni istintive, che si rivestono via via di austeri tratti gotici, fiorite armonie rinascimentali e decostruzioni di un’improvvisazione istintiva, che sublima in una post-modernità nervosa ed elegiaca, coronata da una coralità pulsante, profondamente umana.

*disco della settimana dal 20 al 26 dicembre 2021

http://hannesbuder.de/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.