EARTHEN SEA
Ghost Poems
(Kranky, 2022)*

La quasi inevitabile attrazione tra l’algida dimensione della strumentazione elettronica e l’imperfezione analogica degli ambienti sonori trova nuova e affascinante declinazione nella terza pubblicazione su Kranky del newyorkese Jacob Long, che oltre quindici anni conduce una propria liminare ricerca elettro-acustica sotto l’alias Earthen Sea. Le dieci tracce di “Ghost Poems”, concepite e realizzate nel corso del primo lockdown, restituiscono fedelmente il calore e la familiarità del contesto in cui hanno preso forma, ma anche il suo carattere provvisoriamente sinistro e reclusivo.

I fantasmi richiamati dal titolo del lavoro sono piuttosto latenze atmosferiche, granuli pulviscolari e rumori d’ambiente, che avvolgono in una cornice di lirismo domestico texture pazientemente annodate da loop di tastiere e battiti sfumati dalle cadenze irregolarmente scandite. Il dub atmosferico che ne risulta si effonde morbidamente brano dopo brano, in maniera sempre più dilatata e ipnotica, proiettando le proprie frequenze rifratte a definire uno spazio sonoro intimo e sospeso, dai contorni opacizzati da una patina polverosa che rende le contemplazioni domestiche di Long di un romanticismo minimale, profondamente umano.

*disco della settimana dal 18 al 24 aprile 2022

https://www.facebook.com/EarthenSea

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.