music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

SONGS OF GREEN PHEASANT – Soft Wounds
(Rusted Rail, 2012)

Con tre album su Fat Cat, l’inglese Duncan Sumpner si è affermato come autorevole interprete di un folk virato in chiave eterea e contemplativa.

Il suo approdo sulla cult-label irlandese Rusted Rail, coincide con un’ulteriore rarefazione delle atmosfere dei suoi brani, che adesso associano a morbide melodie acustiche un impianto compositivo sempre più dilatato e, al contempo, proteso verso un profilo quasi cameristico. Pianoforte e fiati avviluppano gli arpeggi acustici e il cantato trasognato di Sumpner, mentre i tempi si dilatano, fino agli oltre nove minuti di “Flesheaters”, cortometraggio di malinconia rurale che evoca Talk Talk, Hood ed Epic45.

Un suadente viaggio nella countryside più romantica.

(pubblicato su Rockerilla n. 378, febbraio 2012)

http://rustedrail.com/pheasant.html

Annunci

2 commenti su “

  1. Pingback: rearwiew mirror: 2012 | music won't save you

  2. Pingback: rearview mirror: 2012 | music won't save you

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 3 marzo 2012 da in recensioni 2012 con tag , , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: