music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

soap_skin_sugarbreadSOAP&SKIN – Sugarbread
(PIAS, 2013)

Il lato più oscuro e drammatico di Anja Plaschg: se il recente “Narrow” l’aveva vista interprete di raffinate ballate pianistiche, “Sugarbread” dischiude un nuovo abisso di tormenti.

Nei tre brevi brani, la giovane austriaca associa urla disperate a melodie suadenti, sferzate da un ritualismo post-industriale, inscena un tenebroso cabaret orchestrale e torna a inarcarsi su un pianoforte inquieto. Impressionante, in particolare, il macabro caleidoscopio della title track.

Nove minuti taglienti come cristallo nero.

(pubblicato su Rockerilla n. 391, marzo 2013)


http://www.soapandskin.com/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 8 marzo 2013 da in recensioni 2013 con tag , , , , , , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: