music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

david_a_jaycock_ten_songsDAVID A. JAYCOCK – Ten Songs
(Static Caravan, 2013)

Chitarrista acustico già membro dei Big Eyes di James Green, nella sua attività solista David A. Jaycock ha perseguito ambientazioni di fiorita e distante psichedelia piuttosto che la scrittura di vere e proprie canzoni. La sola lettura del titolo del suo nuovo lavoro induce dunque ad attendersi una parziale mutazione nella sua personale declinazione di un folk incantato dal sapore antico, probabilmente suscitata anche da un’altra sua recente collaborazione, quella con James Yorkston.

E l’ascolto di “Ten Songs”, quinto album del chitarrista inglese, rispetta integralmente tali premesse, appunto in dieci canzoni che mantengono inalterato il tono obliquo del suo picking cadenzato, al quale adesso si associano scarne armonie bucoliche e un timbro sommesso e in qualche misura ieratico.
Con il più significativo ruolo assunto dalla voce, i brani di Jaycock si mantengono avvolti da un alone di mistero che affonda le radici nel misticismo folk britannico, che affiora talora in superficie sotto forma di iterazioni ipnotiche ed esili torsioni psych (“Brighton In Sunshine”, “Decanting Sand”) ma più spesso funge ormai da fondale a delicate ballate in miniatura, addirittura non aliene da aggraziati spunti melodici.

Così, mentre da “Tangles” affiorano raffinate affinità con il James Yorkston più intimista e dalla deliziosa “Dozen Mizzen” trapelano pregevoli inclinazioni cameristiche, la leggerezza quasi noncurante di “Wolverine Returns” denota persino un’imprevedibile attitudine “pop”, ancorché dai contorni trasognati e vagamente acidi. Le “Ten Songs” di Jaycock offrono così una tavolozza ampia e coesa delle capacità del chitarrista inglese di travalicare i rischiosi confini del fingerpicking, che dall’apertura del suo spettro espressivo a freschi sentori bucolici in formato di canzone ha tratto nuova linfa per magiche narrazioni di un folk senza tempo.

https://www.facebook.com/davidajaycockmusic

Annunci

Un commento su “

  1. Pingback: rearview mirror: 2013 | music won't save you

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 9 agosto 2013 da in recensioni 2013 con tag , , , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: