music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

october_gold_bridge_of_the_sunOCTOBER GOLD – Bridge Of The Sun
(Alderbrooke, 2013)

October Gold è un duo formato dai coniugi canadesi Kit Soden e Aliza Thibodeau, intorno al quale ruota un collettivo di circa una ventina di musicisti, deputati a conferire un’ampia dimensione di orchestra folk al nucleo centrale delle diverse esperienze e formazioni musicali della coppia: lui suona la chitarra con evidente piglio folk e canta con voce sottile ma intrisa di forte lirismo, lei invece è una polistrumentista di formazione classica, che passa con dimestichezza dal suo violino a pianoforte, tastiere e ukulele.

Come già nel debutto sulla lunga distanza dello scorso anno (“Into The Silence”), anche nei nuovi brani racchiusi in “Bridge Of The Sun” l’apporto dei collaboratori riveste di grandiosità sonora e profondità suggestiva e canzoni del duo. La natura concettuale del lavoro, ispirato a passi poetici dello scrittore Steven Erikson e in larga misura in essi consistente, trova nel continuo avvicendarsi di momenti di intimo romanticismo e grandiose aperture di archi e fiati un itinerario narrativo dai contorni quasi da musical, suggerita non solo dalla ricchezza degli arrangiamenti ma anche dalla moderata teatralità delle interpretazioni di Soden e dall’emotiva espressività del violino della Thibodeau.

Nonostante la tematica del lavoro e la formula espressiva prescelta siano piuttosto consolidate e ricorrano a grandi linee in tutte le sue dodici tracce, l’allargata orchestra October Gold ora si ammanta della vivacità corale e ritmica di band quali Decemberists o Hey Marseilles, come nell’incedere brillante della title track o nel florilegio di fiati di “Weathered Wings”, ora lascia affiorare in superficie (l’austera “Gallan’s Hope”) le pièce cameristiche che supportano quasi tutti i brani. Benché proprio l’uniformità di tali soluzioni incorra in qualche rischio di stucchevolezza, l’accorato romanticismo e il fluido lirismo di melodie e interpretazioni fanno comunque di “Bridge Of The Sun” l’intensa opera chamber-folk di una band capace di elaborare un proprio definito profilo stilistico, senz’altro più prossimo a raffinati retaggi neoclassici che a facili tentazioni indie.

http://www.octobergold.com/

Annunci

Un commento su “

  1. Pingback: rearview mirror: 2013 | music won't save you

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 26 settembre 2013 da in recensioni 2013 con tag , , , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: