music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

snow_mantled_love_conversationsSNOW MANTLED LOVE – Conversations
(Self Released, 2013)

A volte una semplice fotografia è sufficiente a rappresentare il contenuto di un disco; basta uno sguardo al bacio sbiadito collocato quale virtuale immagine di copertina dell’album digitale “Conversations” per attendersi una raccolta di canzoni dai contorni parimenti sfumati, nostalgiche e grondanti languori autunnali.

Ne è autore un terzetto londinese denominato Snow Mantled Love, al debutto sulla lunga distanza un anno dopo il primo Ep “Romance 126”, che vi ha raccolto nove conversazioni intime e delicate, completate dalle affascinanti interpretazioni di Danielle Fricke, candidata senza riserve a riscaldare i cuori nei quali ha fatto breccia, ad esempio, la voce di Anna-Lynne Williams.

Lenitive carezze di una solitudine “da cameretta”, intrise di un’asciutta malinconia, si snodano lungo i nove brani dell’album, che spaziano da narcolessie acustiche a sognanti riverberi elettrici, talora sviluppati in graduali crescendo in odore dello slow-core più fragile e romantico (Gregor Samsa). Le cadenze rallentate e la tagliente essenzialità dell’iniziale “Drift Down” (“your dreams will frighten any love you have/ when you wake your mind feels tied to the past/ so drift on, drift down”) esemplificano già in maniera esaustiva il mood dell’album, trovando nelle sospirate melodie vocali della Fricke complemento di palpitante perfezione.

Alla sostanziale uniformità dei temi e del registro espressivo nel corso dell’album, corrispondono graduali trasformazioni di scenari sonori, come le immagini di un caleidoscopio in lento movimento. Si passa così dall’intensità dalla scandita intensità pianistica di “Familiar Ground” e “Chairs”, in entrambi i casi sviluppata in progressioni di distanti echi di feedback, alle suadenti ballate acustiche “Bear” e “Ill”, che rivelano una scarna matrice di folk acustico, permettendo alla Fricke di estendere e inarcare le proprie doti interpretative, che rifulgono anche nei passaggi più statici e rarefatti (la prima parte di “Dream Talk” e la stessa title track finale).

Sognante e dolcemente malinconico, “Conversations” è una piccola perla opalescente, che esalta in una suadente dimensione dream-pop l’incantevole contenuto evocativo delle canzoni di Danielle Fricke (già autrice di un’autoproduzione solista nel 2012) senza stravolgerne l’ovattato intimismo acustico.
Download a offerta libera tramite http://snowmantledlove.bandcamp.com/.

https://www.facebook.com/SnowMantledLove

Un commento su “

  1. Pingback: rearview mirror: 2013 | music won't save you

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: