music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

bibio_the_greenBIBIO – The Green E.P.
(Warp, 2014)

Benché nei suoi più recenti trascorsi abbia premuto sensibilmente sull’acceleratore di un elettronica intessuta da ritmiche ed effetti sintetici marcati, Stephen Wilkinson alias Bibio ha sempre coltivato un interesse per sonorità che attingono alla tradizione acustica, in passato declinati in chiave folktronica.
Non desta dunque particolare stupore ritrovarlo nel suo “The Green E.P.” alle prese con contemplazioni bucoliche nelle quali l’elettronica riveste quasi esclusivamente il ruolo di substrato atmosferico sulla quale, oltre a brevi saggi degli incastri sonori di Wilkinson, sono innestate armonie acustiche e frammenti di vere e proprie canzoni.

Tutto prende le mosse da “Dye The Water Green”, brano già incluso nell’album dello scorso anno “Silver Wilkinson”, che già presentava voci riecheggianti morbidamente riverberate in un registro affine a quello degli Epic45 più bucolici. Quell’immaginario, interpolato con note acustiche e presentato nelle componenti pulsanti e irregolari negli strumentali “Dinghy” e “The Spinney View Of Hinkley Point.”, scolora in soffici riflessi ambientali nelle dolci modulazioni di “Carbon Wulf”.

Il tratto più significativo dell’Ep è comunque dato dalla personale declinazione del cantautorato folk da parte di Wilkinson, riassunta nell’essenzialità acustica e nei languori estatici di “Down To The Sound” e nell’incantata “A Thousand Syllables”, che in meno di sei minuti riassume una sequenza nella quale l’abbraccio ambient iniziale è percorso da brillanti arpeggi gradualmente strutturati in melodie tali da supportare un cantato serafico e sognante.

“The Green E.P.” rappresenta dunque la riscoperta di un’inclinazione latente, un’inversione di tendenza davvero gradita e realizzata con tocco lieve e consapevole da Wilkinson, dal quale si può dunque ben attendere un (auspicabile) prosieguo di produzione sulla falsariga di affini visioni della countryside, frutto tanto di sensibilità melodica quanto di un piglio compositivo risultante da un articolato puzzle di tessere elettroniche.

http://mrbibio.tumblr.com/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 23 maggio 2014 da in recensioni 2014 con tag , , , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: