music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

sankt_otten_engtanz_depressionSANKT OTTEN – Engtanz Depression
(Denovali, 2015)

Archiviata la “trilogia delle macchine” dell’ultimo triennio (“Gottes Synthesizer”, “Sequencer Liebe” e “Messias Maschine”), Stephan Otten e Oliver Klemm restituiscono una dimensione umana e dinamica alla loro esplorazioni cosmiche.

Nelle nove tracce di “Engtanz Depression” riaffiorano improvvisate schegge organiche e sparute note pianistiche, che fungono da contrappunto a pronunciate segmentazioni ritmiche. Al centro della visione del duo tedesco permangono comunque i synth, le cui scie astrali si espandono e mutano forma, fino a riempire l’immaginifico percorso di quasi un’ora di durata del lavoro.

Sgusciante e ipnotico, il suono di “Engtanz Depression” alimenta così visionarie derive neo-kosmische.

(pubblicato su Rockerilla n. 415, marzo 2015)

http://www.sanktotten.de/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: