music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

eloise_descazes_delphine_dora_folk_songs_cycleÉLOÏSE DECAZES & DELPHINE DORA – Folk Songs Cycle
(Okraïna, 2015)

Undici canzoni folk, tra originali, adattamenti e creazioni ispirate a canti tradizionali, formano la raccolta molto particolare curata da Luciano Berio nel 1964 e oggetto di un’ardita rilettura da parte di due artiste francesi che incentrano le proprie sperimentazioni sulla modulazione della voce e sulle note del pianoforte. Protagoniste dell’operazione sono Éloïse Decazes (già metà femminile del duo Arlt e autrice di un disco di folk allucinato insieme a Eric Chenaux nel 2012) e Delphine Dora, eterea dispensatrice di oblique armonie vocali e pianistiche.

Sottoposto al loro peculiare trattamento, il “Folk Songs Cycle” di Berio assume connotati estremamente evocativi e spettrali, con la Decazes a guidare la maggior parte dei brani, assistita dal pianoforte cadenzato e in prevalenza inquieto della Dora. Insieme, le due artiste francesi passano in rassegna classici della tradizione americana (l’iniziale “Black Is The Colour”, la canzone più strutturata del breve lotto) e sorprendenti rivisitazioni di linguaggi folk mediterranei e caucasici.

Il duplice filtro sperimentale al quale sono sottoposti originali non acquisiti come tali ma solo nella rilettura del maestro dell’avanguardia italiana, vi conferisce forme decisamente aliene, sostanzialmente deprivate delle loro strutture, che sopravvivono – nemmeno sempre – sotto scarnificate sembianze armoniche.
Le sensazioni che promanano dai brani sono tuttavia in prevalenza spettrali ed evocative di una spiritualità arcana (“Loosin yelav”, “Lo fiolaire”), che la grazia aliena delle due voci ammanta di un fascino straniante che trascende i significati e gli stessi idiomi originali (“Rossignolet”, “La donna ideale”, “La femminisca”) in una polilalia vocale appena screziata di accordi acustici.

Si tratta di un’operazione senz’altro interessante, condotta dalle due artiste con una sensibilità tutta femminile, che in poco più di venti minuti conferisce un’ulteriore particolare fisionomia a frammenti di brani saldati nell’universalità di tradizioni che trascendono tempi, luoghi e culture musicali.

http://delphinedora.wordpress.com/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 3 dicembre 2015 da in recensioni 2015 con tag , , , , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: